facebook rss

Violano i divieti per andare
nel garage-serra dove cresceva
la marijuana: arrestati

CAMERANO – Sabato sera i carabinieri hanno notato in strada il 27enne e il 20enne che non sono riusciti a giustificare la loro presenza fuori casa. Stamattina l’arresto per il reato di detenzione di droga a fini di spaccio è stato convalidato dal Gip in video conferenza dalla caserma della Compagnia Carabinieri di Osimo
Print Friendly, PDF & Email

 

Lo strano via vai di giovani davanti a una garage, in un sabato sera di lockdown per l’emergenza Coronavirus, non è passato inosservato ai carabionieri di Camerano che  nella serata dello scorso 21 marzo, durante i servizi predisposti per la verifica delle misure urgenti di contenimento del contagio da Covid-19, hanno tarrestato un cittadino brasiliano 27enne e un italiano 20enne. I due sono stati trovati in possesso di un quantitativo di sostanza stupefacente e materiale per il confezionamento delle dosi verso le 20 circa di sabato scorso, quando  i militari della Stazione di Camerano, coordinati dal maggiore Luigi Ciccarelli, comandante della Compagnia carabinieri di Osimo,  hanno proceduto al controllo dei due giovani nei pressi di di quel garage, durante l’attività di controllo del territorio, intensificata in particolar modo nei centri urbani ed extraurbani nel contesto ambientale condizionato dalle stringenti norme di condotta emanate recentemente con i decreti.

Gli stessi giovani, alla vista dei carabinieri manifestando un atteggiamento sospetto e non riuscendo a giustificare la loro presenza in loco, hanno indotto la pattuglia ad approfondire le verifiche. Dalla ispezione personale e dalla perquisizione locale, i carabinieri hanno scoperto nel garage e camera da letto dell’abitazione dello straniero una serra con dimensioni di circa 2 mq., per la coltivazione di marijuana con 10 piante, alcune delle quali aventi un’altezza di oltre un metro e mezzo; un contenitore in vetro riempito per metà di foglie di marijuana non essiccate; una sacca contenente 300 grammi di marijuana completamente essiccata; la somma di 30 euro ed un grinder. Nell’abitazione dell’italiano sono invece saltate fuori 3 confezioni in cellophane intrise di hashish; strumenti per il confezionamento della droga e la somma in contanti di 150 euro.

I due sono stati tratti in arresto per il reato di detenzione di sostanze stupefacente a fini di spaccio e stamattina, con la nuova procedura disposta dalla Procura della Repubblica di Ancona, sono stati giudicati per direttissima in video conferenza dalla caserma della Compagnia Carabinieri di Osimo. Durante l’udienza, è stato convalidato l’arresto ed è stata disposta la scarcerazione, con rinvio del procedimento al prossimo 7 luglio. Per l’indagato straniero è stata avviata anche la procedura per accertare la regolarità della sua permanenza sul territorio nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X