facebook rss

Il governatore Ceriscioli in quarantena
dopo l’incontro con Bertolaso:
«Sto bene, lavorerò da casa»

CORONAVIRUS - Il presidente dovrà osservare un periodo di isolamento. Aveva incontrato l'ex capo della Protezione civile per il progetto di un nuovo ospedale per 100 posti di terapia intensiva. Anche Antonio Mastrovincenzo, presente ieri mattina ai sopralluoghi, dovrà stare per 14 giorni a casa in via precauzionale
Print Friendly, PDF & Email

 

Ceriscioli e Bertolaso ieri ad Ancona

Il governatore Luca Ceriscioli dovrà restare in quarantena. L’ufficialità è arrivata pochi minuti fa a Cronache Maceratesi. Ora si trova a casa dopo che questa mattina era stato al lavoro in Regione dove ha appreso che l’ex capo della protezione civile, Guido Bertolaso è risultato positivo al Coronavirus. Bertolaso dalla Regione ha ricevuto l’incarico di predisporre un ospedale con 100 posti di terapia intensiva (due le soluzioni, o una nave o il Palaindoor di Ancona) e per questo ieri è stato ad Ancona e ha avuto contatti, anche se entrambi hanno sempre tenuto la mascherina, con il governatore Ceriscioli.

Oggi Bertolaso ha scritto su Facebook che è positivo al virus e ha spiegato che anche se da casa continuerà a lavorare sia per le Marche che per la Lombardia per portare avanti i progetti degli ospedali. Ora il governatore Luca Ceriscioli dovrà, in via precauzionale, rimanere in isolamento a casa, come previsto in caso si abbiano contatti con persone risultate positive. Ceriscioli questa mattina era stato in Regione a lavorare e mentre si trovava lì ha appreso che Bertolaso era stato contagiato, ora si trova a casa. «Immagino che ora Bertolaso comunicherà tutti i contatti avuti negli ultimi giorni alle strutture sanitarie che a quel punto mi contatteranno formalmente per chiedermi di mettermi in isolamento fiduciario domiciliare a scopo precauzionale» aveva detto Ceriscioli all’Agenzia Dire. Dopo aver appreso la notizia di Bertolaso «ho evitato ogni contatto». Su come proseguirà il suo lavoro «inizierò ad organizzarmi in modalità smart working – ha detto sempre all’agenzia Dire –. Da questo punto di vista penso di poter continuare a lavorare senza particolari problemi. Mi sento bene, non ho sintomi come tosse o febbre – continua Ceriscioli-. Ieri avevamo le mascherine e rispettavamo le distanze. Sono tranquillo. Ma credo che la quarantena sia inevitabile».

Mastrovincenzo in aeroporto prima della partenza di Bertolaso

Anche il presidente del consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo,  ha deciso di mettersi in quarantena per ‘correttezza formale’. «Entro in quarantena per una questione di opportunità e correttezza. Nel corso dell’incontro con Guido Bertolaso ed il suo staff ho indossato i dispositivi di protezione individuale, mascherina e guanti, rispettando le norme di sicurezza. Al momento non esistono motivi che destino preoccupazione per la mia salute. L’attività prosegue, comunque, normalmente. Oggi, ho partecipato, in web conference, alla riunione del Coordinamento nazionale dei Presidenti delle Assemblee Legislative italiane, nell’ambito della quale sono stati condivisi percorsi comuni di operatività in questa fase emergenziale. Per domani è in programma, sempre per via telematica, una seduta dell’Ufficio di Presidenza. Sono in contatto quotidiano con il Presidente Ceriscioli e con i capigruppo consiliari per l’indispensabile monitoraggio della situazione».

Bertolaso: «Sono positivo al Covid-19, continuerò a coordinare i lavori per le Marche»

Articoli correlati




 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X