facebook rss

«Morti nelle case di riposo,
si indaghi sulle responsabilità
di giunta regionale e governatore»

COVID-19 - L'intervento del capogruppo in Regione della Lega Sandro Zaffiri sugli accertamenti avviati nelle strutture per anziani dalla magistratura, tanto nel Maceratese quanto nell'Anconetano
Print Friendly, PDF & Email

Sandro Zaffiri

 

«Non mi stupisce l’apertura in serie di fascicoli d’indagine su quello che è accaduto e sta ancora accadendo nelle case di riposo e residenze protette marchigiane, ma puntando la lente verso l’obiettivo sbagliato si corre il rischio di accendere soltanto un fuoco di paglia». Sono le parole del capogruppo in Regione della Lega Sandro Zaffiri, che parla delle molti morti nelle strutture per anziani e dei conseguenti accertamenti disposti dalle procure tanto nel Maceratese quanto nell’Anconetano. «Ampiamente prevedibile il fatto che un virus così aggressivo potesse mietere vittime nella popolazione anziana – continua Zaffiri – tanto più se in condizioni di salute non ottimali e se costretta a vivere in spazi ristretti. Quello che a metà dello scorso mese di marzo si prefigurava soltanto come un rischio enorme e che personalmente avevo cercato d«i segnalare a mezzo stampa, oggi è deflagrato sia dentro che fuori quelle strutture per anziani. E purtroppo con numerosi morti. Ritengo, però, in tutta sincerità, che cercare i responsabili dentro le mura di quelle strutture dove, senza fare distinzioni, dai direttori sanitari fino all’ultimo degli inservienti, inclusi medici, infermieri e assistenti sanitari, hanno operato nell’emergenza, con il massimo impegno e in assenza di precise indicazioni, sia sbagliato, oltre che profondamente ingiusto. Se è accaduto (e mi immagino che sia accaduto) che i vertici di quelle strutture si sono trovati di fronte a dover fare delle scelte in totale autonomia, se il personale non ha indossato i sistemi di protezione, se ci si è trovati a corto di mascherine e guanti, ma si è comunque cercato di garantire assistenza ai ricoverati, credo che le responsabilità vadano individuate ad un livello più alto».  Secondo il leghista dunque l’attenzione andrebbe focalizzata sulle responsabilità della Regione. «Mi riferisco evidentemente – aggiunge infatti.  alle massime istituzioni regionali, presidente e giunta regionale, incapaci non soltanto di agire tempestivamente e dettare delle linee guida univoche e specifiche per le case di riposo e le residenze per anziani, ma, ancora più colpevolmente, incapaci di ascoltare gli appelli e percepire, anticipandola, l’emergenza. In quella direzione e nelle falle del sistema di Protezione civile che, da parte sua, non ha saputo garantire l’adeguata fornitura e distribuzione dei presidi di protezione la magistratura dovrebbe meglio muoversi se davvero intende trovare delle responsabilità vere».

Contagi nelle case di riposo: altri controlli della procura

Contagi e morti nelle case di riposo, partono gli accertamenti della procura

 



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X