Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

Covid 19 rapid test,
partito lo screening
per i dipendenti comunali

OSIMO - Al monitoraggio, eseguito dal medico del lavoro Francesco Cenerelli, su base volontaria ha aderito l'80% del personale. Il primo a sottoporsi è stato il sindaco. «Come effettuarli a tutta la popolazione? Ci stiamo pensando. Presto, a prezzi calmierati, sarà possibile» annuncia Simone Pugnaloni

Il sindaco Simone Pugnaloni (a sinistra) si sottopone al Covid rapid test

 

 

 

Partito lo screening con i Covid rapid test al Comune di Osimo per individuare i lavoratori già immunizzati. «Sono soddisfatto per l’alta adesione su base volontaria di dipendenti comunali che ha sottoscritto il consenso informato, una percentuale che supera l’80%» commenta il sindaco Simone Pugnaloni che in qualità di datore di lavoro/rappresentante legale dell’ente è stato il primo, stamattina ad effettuare il test acquistato per tutti i dipendenti comunali e societa’ partecipate. «D’accordo con il medico del lavoro, Francesco Cenerelli, abbiamo potuto somministrare questo test ai soggetti, sono stati 7 mila euro spesi bene, comprensivo dell’onorario del medico competente.- spiega Pugnaloni – Test che puo’ essere utile ad evitare contagi per chi opera al pubblico. Ricordo come i dipendenti comunali si alternano tra smart working e lavoro in ufficio poiche il servizio allo sportello va garantito anche se in tempi di Covid-19 è su appuntamento. Inizialmente questi test Sindaco e Giunta volevano donarli agli operatori socio-sanitari in citta’ , ma poi si è riscontrato subito quale fosse l’impedimento. È necessario per somministrare tale test sierologico il consenso o del direttore sanitario o del medico del lavoro nei luoghi dove si opera. Nel caso degli operatori socio-sanitari li abbiamo informati e stanno valutando questa opportunita’».

I test rimanenti, è scritto nella delibera, verranno donati all’ospedale, alle case di riposo, alla Cri e alla Misericordia, alle forze dell’ordine.«Come effettuarli a tutta la popolazione? Ci stiamo pensando. Presto, a prezzi calmierati, sara’ possibile. Per il sottoscritto esito negativo appena comunicato» fa sapere il sindaco di Osimo. Non sono mancante le polemiche dell’opposizione. Nei giorni scorsi i consiglieri comunali delle Liste civiche avevano eccepito che quei test, acquistati con soldi pubblici, rischiavano di essere utilizzati in modo discriminatorio se non fossero stati messi a disposizione di tutti i cittadini, soprattutto di quelli che in questo momento sono da considerare più a rischio come gli operatori sanitari dell’ospedale e delle case di riposo.

Test sierologici: chi dovrà farli e quali sono le priorità



Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X