facebook rss

Primo weekend della Fase 2:
raffica di controlli
in spiaggia e nei parchi (Foto)

ANCONA - Pochissime le multe emesse dalle forze dell'ordine che hanno presidiato il territorio. Nei guai tre ragazzi che sostavano su una stessa panchina di Torrette non rispettando la distanza. Nelle aree verdi, vigilanza dei volontari della protezione civile
Print Friendly, PDF & Email

La polizia locale a Palombina

 

Controlli a raffica, ma poche sanzioni emesse. E’ filato senza particolari intoppi il sabato del primo weekend della Fase 2. Sotto la lente della polizia locale e delle forze dell’ordine sono stati soprattutto i parchi cittadini e il litorale anconetano, interdetto fino al 17 maggio a causa dell’ordinanza emessa dal sindaco Mancinelli la scorsa settimana. Carabinieri e agenti della questura hanno presidiato il territorio, collocando anche dei posti di controllo nelle maggiori arterie stradali. Gli accessi ai parchi sono stati verificati dai volontari della protezione civile e dagli agenti della polizia locale. La spiaggia di Palombina è stata presidiata da una pattuglia, così come Portonovo. Sotto osservazione anche il limite tra Ancona e Falconara, siglato con cartelli e nastri. Ieri, un runner falconarese che aveva sconfinato è stato multato. Sono state controllate 137 attività commerciali, 3 mercati, 3 aree verdi, 4 sottopassi e 3 sovrappassi, 6 spiagge e 38 parchi. Tra le sanzioni emesse, ci sono quelle notificate a un gruppetto composto da tre ragazzi anconetani. Sono stati trovati questa mattina al centro commerciale di Torrette seduti uno vicino all’altro su una panchina. Stavano consumando della patatine. A richiamarli all’ordine sono stati i carabinieri della stazione di Collemarino che hanno elevato multe complessive per 1200 euro. I ragazzi, tutti 20enni, non stavano mantenendo la distanza di sicurezza e con loro non avevano neanche la mascherina. I controlli per verificare il rispetto delle norme anti-contagio continueranno domani.

(Redazione CA)

Portonovo

Passetto

Parco Gabbiano, Torrette

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X