facebook rss

Nuova antenna a Pietralacroce, Polenta:
«Tutela della salute e rispetto
dell’ambiente sono le nostre linee guida»

ANCONA - L'assessore fa il punto sull'installazione di una stazione base di telefonia all'altezza del Forte Garibaldi, in un punto di proprietà demaniale
Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere del Verdi, Michele Polenta

 

Verrà installata una nuova antenna telefonica a Pietralacroce, all’altezza del Forte Garibaldi, su una porzione di terreno di proprietà demaniale. A darne notizia è l’assessore all’Ambiente Michele Polenta:  «Il sito insiste su un’area prevista dal piano di telefonia mobile incluso nel PRG; tali aree nella fase di redazione del piano furono valutate favorevolmente da Arpam e da Univpm sotto il profilo radioelettrico. Il Comune, nel valutare gli impianti proposti dai gestori, tiene conto di quanto previsto dal Piano comunale unitamente alla legislazione vigente in materia a livello statale e regionale. Anche l’ipotizzato accorpamento della nuova stazione radio base di Iliad da far installare nell’infrastruttura esistente da dove  già trasmette la stazione radio base di Wind non è un obbligo di legge e peraltro nulla comporta sotto il profilo radioprotezionistico. Si precisa che una volta che viene attivato l’impianto, Arpam (che ha già rilasciato parere favorevole su tale nuovo impianto) misurerà le reali emissioni di campo elettromagnetico che dovranno necessariamente rientrare nei limiti di legge. Come Amministrazione seguiamo con attenzione anche l’evoluzione normativa che riguarda il complesso tema delle comunicazioni radioelettriche. Tutela della salute e rispetto dell’ambiente sono le nostre linee guida. Legislatore nazionale ed enti di controllo come Arpam devono svolgere la loro funzione per evitare ai Comuni provvedimenti spot che possono far riscuotere un po’ di popolarità ma che poi non reggono sul piano giuridico. Il tutto con l’eventualità di far insorgere contenziosi che vedrebbero l’Amministrazione soccombente e con ingenti danni  da riconoscere al gestore con soldi pubblici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X