facebook rss

Choc in spiaggia,
rapina e molesta due ragazze:
arrestato un 31enne

FALCONARA - L'uomo, ammanettato nella notte dai carabinieri, è finito a Montacuto con l'accusa di violenza sessuale e rapina aggravata. Per difendersi, una vittima lo ha colpito con un bastone per favorire la fuga lungo l'arenile. L'altra ha cercato di colpirlo
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Abusate e rapinate di notte lungo la spiaggia di Falconara: arrestato un 31enne pakistano per mano dei carabinieri della locale Tenenza. Le vittime hanno entrambe 18 anni e sono residenti in provincia di Novara. Ieri sera si sono fermate nelle Marche al ritorno da una gita a Roma in attesa del treno notturno per Bologna, in partenza dalla stazione falconarese alle 04,54. Stanche di attendere l’arrivo del treno in sala d’attesa, hanno pensato di unirsi ad alcuni conoscenti in spiaggia, in prossimità dell’arenile, all’altezza del sovrappasso “Tramontana”. Lì hanno organizzato un piccolo falò, rimanendo completamente da sole alle 2 della notte. Di lì a poco le ragazze sono state avvicinate dal 31enne di origine pakistana che da subito ha cominciato a fare loro delle avances, facendo leva prima sulla propria condizione di indigenza e poi sulla necessità di scaldarsi vicino alla piccola brace improvvisata dalle giovani. L’uomo era a petto nudo e con una bottiglia di birra tra le mani. Nonostante entrambe le ragazze cercassero di convincerlo ad allontanarsi, manifestando la volontà di rimanere sole, lui sarebbe diventato sempre più aggressivo, fin quando non è riuscito ad afferrare per il collo una delle due, costringendola – contro la sua volontà – a subire un bacio sulle labbra.  E’ intervenuta energicamente l’amica che, servendosi di un bastone raccolto sull’arenile, ha percosso sulle spalle l’uomo, costringendolo a mollare la presa. Le ragazze sono scappate, per poi essere raggiunte. Questa volta ad avere la peggio è stata l’altra 18enne, ovvero quella che aveva brandito il bastone: è stata difatti afferrata da dietro mentre l’uomo si abbassava i pantaloni. A questo punto l’altra ragazza, alla vista di questa ulteriore violenza, si è  fiondata sull’aggressore e in pochi ma interminabili secondi le giovani sono riuscite ad allontanarsi dal posto per chiamare il 112. Nella fuga le vittime hanno abbandonato i rispettivi zaini, prontamente sottratti dall’aggressore che riusciva così a dileguarsi nella notte. Ma la fuga del molestatore è durata  poco: in una manciata di minuti una pattuglia della locale Tenenza, coadiuvata da due militari del  Radiomobile di Ancona, ha braccato il soggetto che, sull’arenile, si era diretto a piedi verso Villanova; l’uomo, con evidenti i segni della colluttazione avuta con le giovani che si erano difese, è stato sorpreso con gli zaini sottratti dalle vittime, restituiti al termine delle operazioni di arresto. L’uomo è finito a Montacuto per violenza sessuale e rapina aggravata. In seguito si è accertato che anche il pakistano si trovava per caso nellAnconetano, dopo un breve periodo di espedienti passato in alcuni comuni del Maceratese.

Il sottopasso Tramontana

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X