facebook rss

«Le scuole osimane
pronte ad accogliere gli studenti»

IL SINDACO Simone Pugnaloni lo ha comunicato oggi ai tre dirigenti degli Istituti comprensivi. Si stanno risolvendo le ultime criticità con piccoli interventi edilizi per garatire l'ampliamento degli spazi esistenti
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Simone Pugnaloni e la giunta, l’assessoe Alex Andreoli sullo sfondo (foto d’archivio)

 

 

Le scuole osimane sono pronte ad accogliere gli studenti a settembre per il riavvio delle lezioni in presenza. «Stando alle analisi fatte nel rispetto delle ultime linee guida i plessi saranno nelle condizioni di poter accogliere gli studenti a settembre. Si stanno risolvendo alcune criticità di minore entità. – conferma il sindaco Simone Pugnaloni – I dettagli del lavoro svolto sono stati presentati oggi ai tre dirigenti scolastici ed ai loro responsabili della sicurezza. Con le nuove disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Protezione Civile – Comitato Tecnico Scientifico (Cts), pervenute venerdì scorso in cui si precisano alcuni punti fondamentali riguardanti i distanziamenti, layout interni, situazioni statiche e dinamiche, parametri del DLg. 81/2008 e succ. mod., l’Amministrazione comunale ha rimodulato quanto già sviluppato in precedenza, a seguito delle linee guida Miur del 26 giugno 2020, in tema di adeguamento delle classi alla normativa vigente anticovid-19 e si è sviluppato il planning per il ritorno in classe in presenza».

Pugnaloni che ringrazia per l’impegno speso l’assessore Alex Andreoli e l’ufficio tecnico comunale, precisa che gli interventi da eseguire nei plessi «riguardano principalmente adeguamento impianto elettrico e termico con lo spostamento di punti luce, prese elettriche, spostamento di termosifoni ed alcuni interventi edilizi che prevedranno l’ampliamento degli spazi esistenti. Grazie alla celerita’ con la quale siamo riusciti ad accedere ai fondi Pon del Miur, i 160 mila euro ottenuti copriranno l’intero investimento che dovremo affrontare per ripartire a settembre. Ora per rendere definitive le misure per la ripartenza occorre fare un sopralluogo tecnico per ogni plesso per dare il via definitivo ai lavori cosi che le planimetrie elaborate rispondano perfettamente alle normative nazionali. La verifica conclusiva avverra’ sul posto alla presenza dei tecnici comunali e dei tecnici dei tre istituti scolastici». Il sindaco nella fornitura delle attrezzature scolastiche sta pensando poi «a un regalo speciale tecnologico» che comunicherà a breve e in via prioritaria ai dirigenti.

Covid, fondi edilizia scolastica ‘leggera’: alle Marche oltre 10 milioni di euro

L’allarme di genitori e docenti: «A settembre rischio ‘classi pollaio’» L’assessore: «Lavoriamo per evitarle»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X