facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Camerano, festa del patrono
in versione anti-assembramenti

EVENTI - Cancellati il corteo in costume e la Contesa del Sacro Vassoio, il consiglio comunale con la consegna delle civiche benemerenze si svolgerà sabato sera in piazza Matteucci
Print Friendly, PDF & Email

Lo skyline di Camerano

 

 

«La programmazione degli eventi legati alla Festa del Patrono di Camerano quest’anno subisce una forte riduzione a causa delle norme relative all’emergenza Covid 19». Ad annunciare un cambio di programma per la ricorrenza del martirio di san Giovanni Battista, patrono del paese, è il Comune di Camerano che vuole comunque «mantenere viva la tradizione della festività e al tempo stesso come ogni anno, svolgere nella data del 29 agosto una sessione del Consiglio comunale, durante la quale verranno conferite le civiche benemerenze. – fa sapere l’amministrazione comunale – Il Consiglio ha scelto di dedicare i riconoscimenti del 2020 principalmente a coloro che con impegno, sacrificio e a volte rischio anche personale, si sono distinti in altruismo, solidarietà e generosità, durante la fase più acuta dell’emergenza sanitaria. Il Consiglio comunale sarà all’aperto, presso Piazza Matteucci, alle ore 20.30. Seguirà la Messa alla presenza del vescovo» al termine della quale saranno salutati e ringraziati i due vice parroci che lasciano la parrocchia per nuovi incarichi (don Alessio Orazi e don Micaolo Coceba), e saranno accolti i nuovi, don Giuseppe Damor ed il seminarista Lorenzo Rossini.

Cancellati quindi il corteo in costume e la Contesa del Sacro Vassoio con giochi e spettacoli vari per evitare gli assembramenti. Le civiche benemerenze, quest’anno, verranno assegnate a medici, infermieri e personale sanitario in prima linea nella battaglia contro il Covid; alla Fondazione Ceci ed alla Cooperativa Nuova Sair; al Gruppo comunale di Protezione Civile, alla Croce Gialla, l’Avis, il Gruppo Scout, le Acli, Taru Ande, Telefono Amico, alla Parrocchia, insieme ad altri attestato. Venerdì 28 ci sarà spazio per sorridere, sempre nella medesima Piazza, ascoltando un’opera buffa, “Il telefono” (di G. C. Menotti) con Luca Giorgini, Margherita Hibel, Fabio Spinsanti e Simone Bastari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X