facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

“Riprendiamo fiato”,
banda musicale in concerto

MONTEMARCIANO - Domani sera al parco di Villa Colle Sereno il primo live dei musicisti diretti da Fabrizio Bosi dopo l’emergenza Covid
Print Friendly, PDF & Email

La banda musicale di Montemarciano (foto d’archivio)

 

 

Il titolo scelto dalla Banda musicale “Gastone Greganti” di Montemarciano per presentare il concerto organizzato dal Comune di Montemarciano per domani sera, venerdì 28 agosto alle ore 21.30, al parco di Villa Colle Sereno, è evocativo: “Riprendiamo fiato-Piccoli gruppi per una grande speranza”. Si tratta infatti del primo concerto che la Banda cittadina diretta da Fabrizio Bosi e presieduta da Pietro Viconi porta in scena dopo l’emergenza Covid. L’evento – inserito nel cartellone di eventi estivi del Comune – ha già registrato il sold-out di prenotazioni, segno tangibile di quanto sia atteso dalla cittadinanza e di quanto le attività della Banda Gastone Greganti siano di forte richiamo sul territorio. “Riprendiamo fiato” si svolgerà nel parco della dimora ottocentesca Villa Colle Sereno, in via IV Novembre al civico 78. «Dopo un lungo periodo di forzata inattività, finalmente ricominciamo a suonare per voi. Quindi… riprendiamo fiato!», scrivono entusiasti i componenti della numerosa formazione bandistica del paese, emozionati di poter regalare agli spettatori una serata di sola musica, proposta in formazioni ridotte proprio nel rispetto delle vigenti normative sanitarie sugli spettacoli dal vivo. La banda musicale Gastone Greganti è tra le più antiche delle Marche: la prima esibizione dal vivo di cui si abbia testimonianza storica risale addirittura al settembre 1846. Per la sua longeva attività musicale è stata insignita dal Comune di Montemarciano della medaglia d’oro per meriti culturali, civili e sociali e rappresenta uno dei complessi bandistici più qualificati della nostra regione. Attualmente è composta da 50 elementi, in gran parte giovani e giovanissimi, molti dei quali studenti o diplomati al Conservatorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X