facebook rss

Colpo nell’alimentari-tabaccheria ‘Mauro’:
rubati 500 ‘Gratta e Vinci’

CUPRAMONTANA - I ladri sono fuggiti con i tagliandi, qualche stecca di sigarette e gli spiccioli del registratore di cassa. «L’allarme non è scattato e forse mi controllavano. Sono davvero provato: non è la prima volta che ricevo visite sgradite ma stavolta il furto è andato a segno» racconta il titolare del negozio
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Colpo grosso al negozio alimentari-tabaccheria ‘Mauro’ di Cupramontana. I ladri fuggono con circa 500 gratta e vinci, qualche stecca di sigarette, ripulendo degli spiccioli anche il fondo cassa del registratore commerciale. Una notte da dimenticare per il titolare Mauro Cellottini che dal 1984 gestisce il negozio di via Bovio, nell’immediata periferia del paese e a poca distanza dal cimitero. Un raid durato una manciata di minuti con i banditi che dopo aver infranto con una mazza la vetrata anti sfondamento della porta d’ingresso, e dopo aver razziato il possibile, sono fuggiti lasciandosi alla spalle una scia di danni. «Chi ha agito doveva sapere che di solito mi attardo in negozio anche nel dopocena prima di chiudere per sistemare e mettere a posto – racconta Mauro Cellottini – Quella sera infatti sono rimasto qui fino a circa le 22.30. Poco prima dell’una mi hanno avvertito di quello che era successo. L’allarme non ha suonato e forse è stato manomesso». Quanto è arrivato in negozio il commerciante si è messo le mani tra i capelli. «C’erano stecche di sigarette e oggetti gettati sul pavimento, vetri infranti, un caos – prosegue nel racconto – Sto ancora facendo l’inventario anche in magazzino per quantificare il danno che so già essere rilevante anche se siamo assicurati. Con la denuncia abbiamo subito bloccato i tagliandi oggetto di furto segnalando le matrici per annullarli, ma abbiamo scoperto che già giovedì mattina qualcuno aveva incassato delle vincite dei gratta e vinci rubati. Sono davvero provato per quello che è successo: non è la prima volta che ricevo visite sgradite, ho subito 4 tentativi di furto, ma stavolta l’assalto è andato a segno». Sull’episodio indagano i carabinieri di Cupramontana accorsi sul posto già mercoledì notte dopo la segnalazione del commerciante. Non si esclude che gli autori del furto possano aver svolto sopralluoghi nei giorni precedenti, prima di entrare in azione, in una strada che corre verso Jesi deserta a quell’ora del 22 settembre.«Le telecamere più vicine si trovano a circa 2 chilometri di distanza da qui. Adesso però provvederà ad accenderle anche nel mio negozio» garantisce Mauro Cellottini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X