facebook rss

Coppa Italia, Cosma Vela fuori
ma con indicazioni positive

ANCONA - Le doriche di Milko Pace rimediano due sconfitte dal punteggio severo contro le corazzate Lifebrain Sis (7-24) e L'Ekipe Orizzonte (6-23), poi nel pomeriggio odierno lottano sino in fondo contro la Florentia, match in equilibrio alla fine del terzo tempo, prima di arrendersi 7-9
Print Friendly, PDF & Email

Elena Altamura al tiro contro la Florentia lo scorso anno alla piscina del Passetto di Ancona

 

 

Si conclude senza risultati positivi ma con tanta esperienza, e soprattutto con la gioia del ritorno alle partite ufficiali, la fase preliminare di Coppa Italia per la Cosma Vela Ancona. Nel girone B di Ostia insieme a Lifebrain Sis Roma, L’Ekipe Orizzonte Catania e a Rari Nantes Florentia, le doriche di Milko Pace rimediano due sconfitte dal punteggio severo contro le corazzate Lifebrain Sis (7-24) e L’Ekipe Orizzonte (6-23), poi nel pomeriggio odierno lottano sino in fondo contro la Florentia, match in equilibrio alla fine del terzo tempo, prima di arrendersi 7-9. La squadra anconetana, rinnovata e ringiovanita, dà segni di crescita anche da parte degli innesti più giovani. La pescarese Colletta, arrivata ad Ancona da pochi giorni, dà sicurezza in difesa, mentre in attacco ci pensano Altamura e Quattrini a realizzare la maggior parte dei gol: 9 in totale per la Altamura, 7 per la Quattrini.

Da segnalare oltre al debutto con le cosmiche della Colletta, l’esordio in A1 della perugina Bartocci (classe 2004) e delle giovanissime Olivieri (2003), Campitelli (2005) e Consolani (2006). «Sis e Orizzonte, stiamo parlando di mezza nazionale da una parte e mezza dall’altra, e i risultati parlano chiaro – commenta il tecnico anconetano, Milko Pace – , anche se nella gestione delle energie e di acciacchi vari hanno trovato spazio le piccole che non sono ancora pronte per giocare certe partite ma hanno risposto molto bene, con voglia e giusto atteggiamento. Contro la Florentia, che era decisiva per il passaggio del turno, abbiamo giocato due tempi quasi perfetti, siamo stati in vantaggio anche 4-1, poi con un nostro classico black-out la Florentia s’è riportata sul 4-4, poi ancora noi sopra 6-4, e 6-6 a fine terzo tempo. Nel quarto tempo abbiamo sbagliato un rigore, ci siamo trovati sotto 6-7, poi abbiamo ancora pareggiato 7-7. A un minuto dalla fine ci è stato fischiato un rigore contro a mio avviso inesistente, e siamo andati nuovamente sotto. A quel punto subito in attacco abbiamo conquistato e sbagliato una superiorità e in contropiede la Florentia ci ha segnato l’ultimo gol. La stessa partita e lo stesso risultato dello scorso anno in regular season. Stiamo crescendo ma ancora non basta. Dopo un anno queste sono partite che dobbiamo imparare a portare a casa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X