facebook rss

Cimitero di Santa Maria,
nuovi crolli di calcinacci

FABRIANO - Protestano i familiari dei defunti che non possono neanche portare un fiore sulle tombe dei propri cari, nella aree interdette al passaggio
Print Friendly, PDF & Email

La foto postata a giugno 2020 dal sindaco di Fabriano dopo il crollo parzale di calcinacci nel settore 8 del cimitero cittadino di Santa Maria

 

Una parte del cimitero di Santa Maria di Fabriano, il settore 4, era stato danneggiato dal terremoto del 2016 e interdetto alle visite ai parenti dei defunti. Lo scorso giugno, con una nuova ordinanza sindacale di temporanea inagibilità era stato chiuso anche il settore 8 dello stesso cimitero per un parziale cedimento dell’intonaco e delle pignatte di un soffitto. Il Comune era stato costretto a transennare l’area. Nuovi crolli di calcinacci si sono verificati anche di recente nei giorni caldi dell’estate, l’ultimo dei quali, registrato stavolta nel reparto 9 dello stesso camposanto. Le famiglie che non possono andare a deporre un fiore sulla tomba dei propri cari, stanche e preoccupate della situazione, tornano a sollecitare un intervento del Comune per accelerare i tempi dei lavori di ripristino dei luoghi. Per discutere del problema e dei disagi sono pronte anche a organizzare un incontro per il prossimo 18 ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X