facebook rss

Da Jesi e Chiaravalle per gettare
sacchi di rifiuti: multati

FALCONARA - Per entrambi, una 40enne e un 60enne, la Polizia locale ha fatto scattare sanzioni di 150 euro. Sono stati individuati grazie alla collaborazione dei cittadini
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Sono arrivati da Jesi e Chiaravalle per abbandonare lungo la strada sacchi di rifiuti indifferenziati: all’interno oggetti in plastica, resti di cibo, in un caso persino un piccolo elettrodomestico. L’inciviltà è però costata cara a due persone, una donna di 40 anni e un uomo di 60, sanzionati dalla polizia locale di Falconara per 150 euro ciascuno. Probabilmente cercavano una scorciatoia per non sobbarcarsi l’incombenza di separare i rifiuti prodotti a casa, ma non hanno fatto i conti con il senso civico di alcuni passanti. Grazie alla collaborazione dei cittadini, che hanno fornito indicazioni precise, i due sono stati infatti identificati e sanzionati. Non è la prima volta che gli agenti del Comando falconarese scoprono gli autori di abbandoni incontrollati di rifiuti. A Rocca Mare, per esempio, gli uomini della polizia locale avevano individuato gli autori di una discarica abusiva, che erano stati multati per 600 euro. L’operazione aveva richiesto una attività di indagine scattata dopo il rinvenimento dei rifiuti in via Fiume, la traversa di via Lungomare di Rocca Priora laterale all’ex Hotel Luca, dove erano stati abbandonati materassi, scatoloni contenenti rifiuti domestici, farmaci, piccoli utensili. Grazie a un esame del materiale era stato possibile risalire agli autori dell’abbandono, una coppia di coniugi residenti a Montemarciano. Una sanzione di 600 euro era toccata anche a una famiglia di Monte San Vito, che aveva scaricato nella campagna delle Pojole interi corredi scolastici, dai libri ai quaderni, fino agli articoli di cartoleria in carta e plastica: tutto materiale che poteva essere riciclato se smaltito correttamente. Un altro caso sanzionato dagli agenti della polizia locale di Falconara era stato quello di un 56enne che, arrivato a bordo di un furgone in piazza Catalani, era stato visto svuotare nel cassonetto della plastica un carico di scarti dell’edilizia, in particolare schiume addensati utilizzate per riempire le intercapedini. L’uomo era stato rintracciato poco distante, davanti alla stazione ferroviaria: gli uomini della Pl dopo averlo identificato per i provvedimenti conseguenti gli avevano fatto recuperare dal cassonetto tutto il materiale scaricato, scarti di lavori che aveva eseguito in casa, per il successivo corretto smaltimento.

«Non posso che rivolgere i miei complimenti agli uomini della polizia locale per il lavoro meticoloso, puntuale e certosino che svolgono ogni giorno nell’adempimento del loro dovere – dice l’assessore alla Polizia locale Raimondo Baia –. Questi risultati sono frutto di un’attenzione del nostro comando al territorio e all’impegno dei nostri agenti, sia quando sono in divisa che quando non lo sono».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X