facebook rss

L’amarezza di Volpini dopo il ribaltone:
«Ha perso la città e questo mi brucia,
urge una riflessione nel centrosinistra»

SENIGALLIA - Lettera aperta del candidato sindaco Pd battuto da Massimo Olivetti. «Votare contro appaga magari nel breve periodo, poi però chi viene eletto rimane in carica per cinque anni. E speriamo bene, Ora Torno al mio ambulatorio e continuerò ad occuparmi delle persone, come ho sempre fatto, da medico. Io, voi, noi ce l’abbiamo messa tutta»
Print Friendly, PDF & Email

Fabrizio Volpini

 

 

«Da domani si ritorna in ambulatorio regolarmente, c’è il rischio di una ripresa dell’epidemia e una impegnativa campagna di vaccinazione antinfluenzale da organizzare». Fabrizio Volpini aveva commentato così, a caldo, il responso delle urne, ieri sera. Stamattina il medico di famiglia, ex consigliere regionale Pd, candidato sindaco del centrosinistra di Senigallia sconfitto al ballottaggio da Massimo Olivetti, ha pubblicato sui social media un lungo post che ha il sapore di una lettera aperta ai concittadini.

«Care senigalliesi, cari senigalliesi, inutile girarci intorno: io e la mia coalizione abbiamo perso. Ha perso la maggioranza dei cittadini, mi verrebbe da dire- esordisce – Infatti, contrariamente ai risultati del 20 e 21 settembre, che avevano premiato come prima forza il mio centrosinistra e dove i numeri restituivano la fotografia di una città capace di far argine al vento di destra che spirava nella nostra regione, il ballottaggio ha visto prevalere il candidato di centrodestra nella nostra città, Massimo Olivetti. Si tratta di un esito che mi brucia, soprattutto sul piano dei valori, ma che devo accettare proprio in nome di quei valori. Sono le regole della democrazia: si vota, si fa lo spoglio delle schede, qualcuno vince e qualcuno perde. Funziona così. La mia sensazione, visti i risultati di 15 giorni fa, è che abbia perso la nostra città, come potete vedere dall’analisi OpenMunicipio. Ma gli elettori (almeno chi a votare c’è andato) vincono sempre, e quindi è inutile indagare sulle cause di questo cambio di tendenza, su questo inaspettato “voto contro”. Votare contro, come mi è già capitato di dire, appaga magari nel breve periodo, poi però chi viene eletto rimane in carica per cinque anni. E speriamo bene».

Nell’ultimo passaggio della lettera con i saluti, Fabrizio Volpini lascia ad altri, nel centrosinistra, il compito di riflettere su quanto è accaduto. «Come ho dichiarato ieri subito dopo aver appreso i risultati, la cosa davvero urgente per tutto il centrosinistra è riflettere sui motivi profondi della sconfitta nella nostra regione e a traino, seppur di misura, nella nostra città. Ma sarà qualcun altro a farlo, io stamattina sono andato come sempre nel mio ambulatorio e continuerò ad occuparmi delle persone, come ho sempre fatto, da medico. Infine – e purtroppo – un’altra cosa inutile è diventata questa pagina Facebook, che nel corso di questa settimana verrà chiusa. Ringrazio di cuore tutti i senigalliesi e tutte le persone che, qui e ovunque, si sono spesi per me e per il nostro progetto di futuro migliore e rinnovamento politico amministrativo della città. Io, voi, noi ce l’abbiamo messa tutta. Vi voglio bene. Buona giornata e buona fortuna».

Olivetti sindaco, esulta il centrodestra: «Nelle Marche sconfitta la sinistra in ogni contesto»

Il centrosinistra perde pure Senigallia, la debacle è completa

Il sindaco Massimo Olivetti: «Dandoci fiducia, Senigallia ha scritto una pagina storica»

Ribaltone centrodestra al ballottaggio: Massimo Olivetti sindaco di Senigallia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X