facebook rss

Dopo la rapina perde il cellulare:
rintracciato e arrestato

FABRIANO - In manette un 20enne marocchino, autore di un blitz in casa di due donne per impossessarsi dei contanti. Le aveva minacciate con un paio di forbici prima di darsi alla fuga e perdere lo smartphone
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

Rapina due donne brandendo un paio di forbici: arrestato un 20enne marocchino. La manette sono scattate ad opera dei carabinieri della Compagnia di Fabriano dopo la segnalazione delle vittime. Stando a quanto emerso, il giovane si era presentato a casa delle donne, di origine centroamericana, per scopi commerciali.  Dopo aver passato del tempo con loro, l’uomo ha notato su un tavolino una cospicua somma di euro e decideva di appropriarsene a tutti i costi; l’ovvia resistenza delle due donne è stata superata brandendo  un paio di forbici reperite in casa e puntate contro le vittime. A questo punto, le inquiline – temendo il peggio – si sono date alla fuga, abbandonando l’appartamento, mentre il 20enne approfittava ulteriormente della situazione per rubare altro denaro, nella fattispecie pesos, sottratto dal portafoglio di una delle giovani. Avvisati dalle due donne, i carabinieri hanno trovato l’immobile vuoto, iniziando l’attività investigativa per rintracciare il rapinatore.  Poco dopo, un passante, dopo aver rinvenuto un telefono cellulare in un parco del centro, lo ha portato ai carabinieri per la restituzione al legittimo proprietario. Gli accertamenti hanno consentito di acquisire elementi sull’utilizzatore dello stesso che risultava essere una delle persone “sospettate” dagli investigatori per la rapina avvenuta in casa delle donne. Una volta giunto in caserma l’uomo, ignaro di quanto stava accadendo, nella speranza di riappropriarsi del proprio telefono, è stato riconosciuto dalle vittime quale autore della rapina.  Il nordafricano è stato trovato in possesso della stessa somma di euro sottratta alle donne con banconote dello stesso taglio (poche centinaia di euro), per altro detenute all’interno degli slip, ed inoltre della stessa somma sottratta in pesos, unitamente ad altri oggetti che si trovavano nell’immobile precedentemente denunciati. Il 20enne è stato arrestato e portato in carcere. Questa mattina, il gip ha convalidato l’arresto e disposto i domiciliari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X