facebook rss

Il furto di bici, poi la spaccata nei locali:
arrestato giovane ladro

SENIGALLIA - Un tunisino di 18 anni, nella notte, ha infranto le vetrate dei ristoranti "Il gatto e la volpe" e poi a "La lanterna". Scattati gli allarmi, i proprietari hanno avvisato le forze dell'ordine che hanno rintracciato il malvivente in fuga
Print Friendly, PDF & Email

Il ladro in azione a La Lampara (Foto Fb Furti e Segnalazioni Senigallia)

 

Arriva a Senigallia a bordo di un treno, ruba un paio di biciclette e tenta il blitz in due ristoranti: uno va a segno, l’altro no.  Il ladro, un giovane tunisino da poco 18enne, è stato  arrestato dai carabinieri grazie ad un’indagine lampo svolta insieme alla polizia. Tutto è avvenuto nella notte tra ieri e oggi. Il tunisino ha prima rubato una bicicletta nei pressi della stazione dopo essere sceso dal treno da cui era stato invitato ad andarsene, forse perchè senza biglietto. Rotta la catena con la quale era assicurata, si è diretto sul lungomare Mameli. Arrivato all’altezza del ristorante “Il gatto e la volpe”, con un sasso ha spaccato una vetrata riuscendo poi ad entrare ma non trovando nulla da rubare. Nel frattempo, l’allarme scattato lo ha messo in fuga. Ripresa la bici rubata, si è accorto di aver forato dunque si è diretto nuovamente in zona stazione per rompere la catena di un’altra, e portarla via. In sella, questa volta ha raggiunto il ristorante “La lampara”, sempre sul lungomare. Con la stessa tecnica, utilizzando dunque un sasso, ha spaccato la vetrata e, una volta entrato, si è diretto verso la cassa rubando circa 13 euro. Anche in questo caso è scattato l’allarme e il giovane si è dato alla fuga. Nel frattempo però, i proprietari dei due locali, entrambi chiusi, avevano avvisato il 112. Sul luogo sono intervenuti i carabinieri, guidati dalla capitana Francesca Romana Ruberto, insieme alla polizia. Immediatamente, effettuati i rilievi di rito, sono anche iniziate le ricerche del giovane, filmato dalle telecamere interne di uno dei due locali. Il tunisino è stato rintracciato poco dopo, nei pressi del porto, in sella alla bici. Fermato, è risultato senza fissa dimora ma in regola con i documenti. Poco lontano da lui, la busta contenente il denaro portato via. Il ragazzo, messo alle strette, ha ammesso le sue colpe. Arrestato, questa mattina è stato processato per direttissima. Il giudice ha convalidato l’arresto con patteggiamento di 10 mesi e 300 euro di multa, pena sospesa.

La vetrata spaccata del ristorante Il gatto e la volpe (Foto FB Furti e Segnalazioni Senigallia)

Le bici rubate

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X