facebook rss

Emergenza Covid
e carenza personale sanitario:
Santarelli firma la mozione Pd

ANCONA - Il consigliere regionale di ‘Rinasci Marche’ condivide la necessità di modificare i criteri di quantificazione del fabbisogno e ampliare le possibilità di accesso ai corsi universitari per medici e infermieri
Print Friendly, PDF & Email

Luca Santarelli

 

 

Il consigliere regionale di ‘Rinasci Marche’, Luca Santarelli, sottoscrive una mozione per modificare i criteri di quantificazione del fabbisogno e ampliare le possibilità di accesso ai corsi universitari per medici e infermieri. «La pandemia da Covid 19 e la conseguente sempre più grave carenza di medici e infermieri ha portato alla luce, in maniera ancora più evidente, la necessità di modificare i criteri per la quantificazione del fabbisogno di personale sotto molteplici aspetti» spiega Luca Santarelli firmatario, insieme all’intero gruppo Pd, della mozione. Con il documento si impegna la Giunta regionale «a rappresentare a livello di conferenza Stato-Regioni la necessità di un’urgente revisione dei modelli previsionali di quantificazione del fabbisogno di personale per i servizi sanitari e socio-sanitari, modelli che alla luce dell’evidente distanza tra le necessità che annualmente le Regioni segnalano e i reali bisogni emergenti non sono adeguati alla realtà». Nell’atto si sollecita anche a richiedere «un ampliamento delle possibilità di accesso ai relativi corsi universitari» per colmare in particolare la oramai strutturale insufficienza di medici e infermieri, consentendo anche una maggiore flessibilità a livello regionale.

«Con particolare convinzione – sottolinea il consigliere – ho sottoscritto questa mozione perché ritengo vada fatto uno sforzo concreto in più direzioni. E’ necessario allargare le possibilità di ingresso ai corsi universitari in maniera da riuscire nei prossimi anni a riequilibrare sul territorio l’offerta con la domanda di servizi sanitari e socio sanitari». Ma non solo.«Già prima della pandemia – evidenzia Santarelli – c’erano segnali di difficoltà per la mancanza strutturale di personale anche in conseguenza della definizione di standard organizzativi sempre più condizionati da obiettivi di contenimento della spesa. E necessario ora un’inversione di marcia. Mettendo avanti a tutto le necessità in termini di salute dell’intera comunità». Di qui la richiesta di un impegno preciso del nuovo Governo regionale volto a ottenere un adeguato finanziamento della spesa sanitaria per il personale che «possa contribuire a innalzare i servizi sanitari e sociosanitari a degli standard di qualitativi e quantitativi soddisfacenti per gli ordinari e emergenti bisogni di cure dei cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X