facebook rss

Test rapidi in Croce Gialla:
negativi dipendenti e volontari

ANCONA - Il presidente Caporalini: «Nessun contagio significa aver attuato nel migliore dei modi i protocolli che ci sono stati forniti sia durante il servizio che all’interno della sede per evitare il diffondersi del Covid 19»
Print Friendly, PDF & Email

 

Quick test per rilevare il Covid: negativi i dipendenti e i militi della Croce Gialla.  Nel weekend sono stati effettuati un’ottantina di tamponi grazie alla presenza di un infermiere professionale.A fare il punto della situazione il presidente della Croce Gialla di Ancona Alberto Caporalini: «Siamo soddisfatti del risultato raggiunto, sapere che oltre 80 tra volontari e dipendenti sono risultati negativi al test rapido per il Covid 19 per noi è motivo di grande soddisfazione. Da una parte siamo contenti per la salute dei nostri volontari e dipendenti dall’altra per il fatto che tutte le misure prese almeno per il momento hanno dato i risultati sperati. Nessun contagio significa aver attuato nel migliore dei modi i protocolli che ci sono stati forniti sia durante il servizio che all’interno della sede per evitare il diffondersi del Covid 19». Nonostante ciò i problemi all’interno dell’associazione di certo non mancano come puntualizza lo stesso Alberto Caporalini: «Ogni giorno usiamo decine di dispositivi di protezione individuali come tute guanti mascherine e liquidi disinfettanti. Tutto questo per l’associazione ha un costo non indifferente, una tuta ad esempio ha un costo di circa 6 euro e ne vengono utilizzate qualche decina nell’arco della giornata sia in caso di pazienti positivi al Covid 19 che sospetti tale. Stesso discorso per i calzari e le mascherine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X