facebook rss

I Nas in ospedale per le vaccinazioni:
controlli sulla regolarità delle procedure
Qualche assembramento per fare il richiamo

MACERATA - I carabinieri hanno svolto un accertamento amministrativo. C'è chi lamenta che c'erano troppe persone presenti. La direttrice dell'Area Vasta 3 Daniela Corsi: «Abbiamo ripristinato l'ordine e applicheremo tutte le procedure necessarie»
Print Friendly, PDF & Email

code-vaccini-macerata-3-650x463

Alcune persone in attesa del vaccino questa mattina in ospedale

 

Carabinieri del Nas di Ancona all’ospedale di Macerata per controlli amministrativi sui punti di vaccinazione. Questa mattina erano tante le persone che si sono presentate per il secondo richiamo in ospedale (per il farmaco della Pfizer deve essere effettuato a 21 giorni di distanza dalla prima somministrazione), tanto che c’è stato chi si è lamentato perché si stavano creando code e assembramenti nella zona dove c’è la biblioteca del nosocomio, locale in cui si svolgono le vaccinazioni.

code-vaccini-macerata-osped«Questa mattina per il secondo richiamo c’erano molte persone e questo rischiava di procurare assembramenti. Anche su indicazione dei Nas, abbiamo ripristinato l’ordine e applicheremo tutte le procedure necessarie in accordo con la direzione di presidio» ha spiegato la direttrice dell’Area vasta 3, Daniela Corsi.

C’erano anche le divise dei carabinieri del Nas. I militari sono entrati questa mattina presto al nosocomio per svolgere dei controlli di natura amministrativa. Accertamenti di routine, questa la spiegazione per la presenza dei militari, che si svolgono non solo a Macerata ma nei vari punti in cui sono in corso le vaccinazioni. Sotto la lente c’è soprattutto la regolarità delle procedure con cui vengono fatti i vaccini e le filiere che vengono seguite per effettuarli. Al momento non si sa se siano state riscontrate irregolarità nei controlli svolti questa mattina.

Intanto dalla Regione, il consigliere Antonio Mastrovincenzo (Pd) domanda se nelle Marche quel 18% di personale non sanitario che ha ricevuto il vaccino sia composto da persone che, tutte, ne avevano diritto per quanto riguarda i criteri di questa prima fase, e ha annunciato «non ci vediamo chiaro e abbiamo deciso che chiederemo l’accesso agli atti per verificare, sarebbe grave se si fosse vaccinato chi non ne aveva alcun diritto».

(Gian. Gin.)

«Vaccinazioni nelle Marche, il 18% a personale non sanitario: quanti ne avevano realmente diritto?»

code-vaccini-macerata-2-650x396

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X