facebook rss

Venerdì Santo e Covid:
la processione ‘statica’ dei sacconi
trasmessa in diretta streaming

OSIMO - Per il secondo anno la pandemia ha modificato i riti della Pasqua e domani sera si potrà seguire la Via Crucis con alcuni figuranti e senza pubblico di fedeli in piazza Duomo sulla pagina Fb della parrocchia, su Osimoweb o in filodiffusione per le vie del centro. Cattedrale a ingressi limitati per le 'Tre ore di Agonia'
Print Friendly, PDF & Email

La processione del Cristo Morto di Osimo con i sacconi e le battistangole (foto d’archivio)

 

 

Processione del Cristo Morto di Osimo: per il secondo anno cancellato il corteo dei sacconi e del cataletto per le vie del centro storico. Nel rispetto delle misure di prevenzione anti-Covid per domani sera don Dino Cecconi, parroco rettore del Duomo con la Confraternita della Pia Unione del Cristo Morto, hanno però organizzato una Via Crucis ‘statica’ in piazza Duomo con alcuni figuranti sacconi in assenza del pubblico di fedeli, che sarà trasmessa in diretta Fb sulla pagina della parrocchia della Ss Trinità-Concattedrale, in diretta streaming su Osimoweb e in filodiffusione per tutto il centro storico di Osimo. Ingressi limitati invece nella caattedrale di San Leopardo per la celebrazione delle ‘Tre Ore di Agonia’, dalle ore 15 di Venerdì Santo, la funzione religiosa che per tradizione precede la processione. La veglia pasquale si svolgerà sabato alle 20 in contemporanea al Duomo e nella Basilica di San Giuseppe ds Copertino mentre la messa pasquale delle 11, domenica in cattedrale, sarà presieduta dall’arcivescovo Angelo Spina. I riti della Settimana Santa modificati dalla pandemia hanno imposto a don Dino e ai frati del convento di San Francesco, nuovo modalità per la benedizione delle famiglie, vietata nelle abitazioni per il secondo anno consecutivo dai protocolli anti-Covid. Benedetta l’acqua della fontana della Pupa, in piazza Boccolino, il sacerdote con tre religiosi, nella domenica delle Palme ha eseguito il rito sui portoni delle abitazioni e dei palazzi pubblici dentro le mura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X