facebook rss

«Oltre 18mila infortuni da inizio pandemia:
quasi 3mila solo nel 2021»

SICUREZZA - I dati elaborati dalla Uil Marche per lanciare la campagna "Zero morti sul lavoro". La segretaria Claudia Mazzucchelli: «Lo scorso anno, nonostante tre mesi di lockdown, si è registrato un 39% di decessi in più nei luoghi di lavoro»
Print Friendly, PDF & Email

di-iulio

La pallavolista marchigiana Isabella di Iulio aderisce all’iniziativa Uil

«Sono oltre 18mila gli infortuni sul lavoro nelle Marche dall’inizio della pandemia. Più di 4mila dovuti proprio al Covid e ben 2782 solo dall’inizio dell’anno», spiega la Uil Marche su dati Inail. Un 2021 iniziato con l’incidente mortale avvenuto alla stazione di Jesi e con il decesso in ospedale di un operaio dei cantieri Quadrilatero contagiato dal Coronavirus. Numeri che impongono una riflessione in vista della Giornata Mondiale per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro che si celebra domani, 28 aprile.

«Dall’inizio della pandemia, solo per il Covid abbiamo avuto oltre 4mila lavoratori contagiati con 16 decessi – spiega Claudia Mazzucchelli, segretaria generale della Uil Marche –. Lo scorso anno, nonostante tre mesi di lockdown, si è registrato un 39% di morti in più nei luoghi di lavoro. La crisi e la carenza di lavoro non può far venire meno i diritti e le tutele: chi va al lavoro deve poter tornare a casa dai propri cari».

luciani

La calciatrice Sofia Luciani

La Uil Marche è in prima linea nella campagna nazionale “Zero Morti sul Lavoro” nata sotto il segno dell’ “OK” per sostenere una battaglia di civiltà: la sicurezza sul lavoro. Durante la guerra i militari americani usavano scrivere su una bandiera visibile da lontano il numero di perdite sul campo, ma in rarissimi e fortunati casi scrivevano “0 Killed” (OK, appunto). A questa campagna hanno accettato di aderire come testimonial tanti vip a livello nazionale. Le Marche in questo caso schierano donne dello sport marchigiano come Sofia Luciani, Angelica Dibiase ed Erika Ferrara, giocatrici del Città di Falconara e fresche vincitrici della Coppa Italia di calcio a 5 femminile, insieme al loro allenatore Massimiliano Neri e Isabella di Iulio, pallavolista di A1 (oggi a Perugia) con un passato tra Pesaro, Loreto e Falconara. In buona compagnia visto che, a livello nazionale, hanno scelto di mettere il loro volto personaggi dello spettacolo come Ambra Angiolini e Stefano De Martino o del calcio come Ciro Immobile, Marco Parolo, Beppe Signori e l’allenatore Alberto Zaccheroni. «Un grazie sentito a tutte loro per la sensibilità verso un tema fondamentale che per la Uil è la lotta della vita, è la battaglia per la civiltà del lavoro», dicono dalla Uil.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X