facebook rss

Chiesetta di Portonovo:
«Infiltrazioni d’acqua,
stop alla riapertura»

ANCONA - Questa mattina la lettera inviata dalla Soprintendenza all'associazione Italia Nostra per interdire al pubblico l'accesso al gioiello romanico
Print Friendly, PDF & Email

La chiesetta Santa Maria di Portonovo

 

Riapertura rinviata per la chiesetta di Portonovo. A bloccare tutto, l’arrivo questa mattina di una lettera della Soprintendenza nelle mani dell’associazione Italia Nostra, che si occupa delle visite del gioiello romanico. «Stante le infiltrazioni di acque meteoriche all’interno dell’edificio, ritiene che in attesa dell’attivazione di un pronto intervento urgente richiesto nel dicembre scorso e contemplato nella nuova programmazione dell’anno 2021 del Mic, la Chiesa debba essere momentaneamente interdetta al pubblico» un passaggio della missiva. «Italia Nostra, prendendo atto della suddetta decisione, esprime il proprio rammarico per il fatto che la mancanza di disponibilità di fondi abbia portato all’interdizione al pubblico della Chiesa, proprio ora che le nuove disposizioni anti Covid 19 ne permettevano finalmente la riapertura, dopo una breve riapertura effettuata nel mese di febbraio ’21. Ovviamente, in ottemperanza a quanto disposto, le aperture sono sospese fino a nuove disposizioni, augurandoci che i “lavori di pronto intervento urgente per la messa in sicurezza della Chiesa” siano attivati e conclusi in tempi auspicabilmente brevi, tali da consentire la riapertura del monumento durante la prossima stagione estiva di massima affluenza dei turisti. Ricordiamo infatti che ogni anno, in periodo pre Covid 19, ben 15.000 visitatori erano attratti da questa che può essere considerato il più bel esempio di romanico lombardo sull’Adriatico» ha fatto sapere l’associazione.

Riapre la chiesetta di Portonovo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X