facebook rss

Cambio al vertice
dei vigili del fuoco:
torna Antonio La Malfa

NOMINA - Il nuovo direttore regionale dei pompieri aveva già ricoperto l'incarico tra il 2017 e il 2019, poi il trasferimento in Piemonte
Print Friendly, PDF & Email

la-malfa

Antonio La Malfa

 

Antonio La Malfa nuovo direttore regionale dei vigili del fuoco delle Marche. Dopo due anni trascorsi in Piemonte, dove è stato direttore regionale dei vigili del fuoco, torna nelle Marche dove tra il 2017 e il 2019 aveva già ricoperto lo stesso incarico. Prende il poso di Felice Di Pardo (ora a capo dei vigili del fuoco dell’Abruzzo). La Malfa nelle Marche aveva coordinato gli interventi connessi al sisma del 2016. Entrato nel Corpo nel 1986, La Malfa è stato comandante dei vigili del fuoco di Cremona, Parma, Reggio Calabria, Bologna e Genova. Ha coordinato le operazioni di soccorso nel 2012 durante il terremoto che colpì l’Emilia Romagna e durante le alluvioni del fiume Po nel 2000 e di Genova nel 2014. E’ stato consulente per la sicurezza antincendio nella Commissione parlamentare di inchiesta del Senato sulle cause del disastro del traghetto Moby Prince. E’ stato docente per la materia prevenzione incendi in numerose università. E’ autore di numerosi libri riguardanti l’ingegneria della sicurezza antincendio, nonché autore di svariati articoli sulle più prestigiose riviste nazionali ed internazionali nel settore antincendio. «Il mio personale augurio di buon lavoro, anche a nome del Gruppo consiliare regionale di Fratelli d’Italia, al neo direttore regionale – dice Carlo Ciccioli -. I vigili del fuoco svolgono da sempre un lavoro importante nelle Marche, come in tutta Italia. Nella nostra regione sono sempre stati in prima fila nelle emergenze, ma anche negli interventi di tutti i giorni. Sono un punto di riferimento imprescindibile e per questo occorre che siano sempre messi nelle migliori condizioni possibili per poter operare. Spero di poter organizzare a breve un incontro con il nuovo direttore per poter ascoltare le sue istanze e suggerimenti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X