facebook rss

Ata rifiuti: Camerano, Monte San Vito
e Castelfidardo sul podio delle città virtuose

RACCOLTA DIFFERENZIATA 2020 con una percentuale media, nei 46 Comuni dell’ambito, pari al 71,04%, e un trend in ascesa rispetto agli anni precedenti. Buone performance nello smaltimento anche per Fabriano, Osimo, Senigallia, Chiaravalle e Montemarciano
Print Friendly, PDF & Email

Camerano, i cassonetti della raccolta differenziata nell’area del Belvedere For De Porta

 

Nel 2020 la provincia di Ancona si conferma virtuosa per la raccolta differenziata, con una percentuale media, nei 46 Comuni dell’ambito, pari al 71,04%, e un trend in ascesa rispetto agli anni precedenti.«La provincia di Ancona mostra inoltre una produzione di rifiuti pro-capite annua di 486 chilogrammi, del tutto in linea con la media regionale di 499 chili. – spiega in una nota Massimiliano Cenerini, direttore dell’Ata Ancona – Mantenere percentuali così elevate non è facile ed è il risultato del grande lavoro congiunto dell’Assemblea Territoriale d’Ambito Ato2, dei Comuni del bacino della provincia di Ancona che la compongono e dei soggetti Gestori del servizio che operano sul territorio. Ancora una volta si rivelano vincenti le strategie di raccolta pianificate e programmate, capaci di intercettare efficacemente, a domicilio o presso i centri di raccolta, il materiale da avviare a recupero, i progetti di prevenzione della produzione dei rifiuti e le campagne di comunicazione e sensibilizzazione per i cittadini e la scuola».

Sul podio 2020 dei Comuni virtuosi ancora Camerano, con una percentuale che sale rispetto al 2019: dall’85,5% passa all’86,42%. Si riconfermano al secondo e terzo posto Monte San Vito (84,97%) e Castelfidardo (83,93%). Una riconferma di eccellenza anche per i Comuni turistici di Sirolo (78,72%) e Numana (75,19%), a conferma che pur nel contesto in cui operano riescono comunque a gestire la raccolta differenziata e a contenere i picchi estivi dell’afflusso turistico. A ottenere risultati di assoluto rilievo sono anche alcune delle città del bacino con più di 30.000 abitanti, come Fabriano (71,97%), Jesi (72,14%), Osimo (76,56%) e Senigallia (72,45%). Oltre ai comuni sopra menzionati, anche quest’anno superano la soglia dell’80% di raccolta differenziata i comuni di Chiaravalle (82,28%) e Montemarciano (81,23%).«I dati statistici, raccolti da Orso -sottolinea Cenerini – confermano quanto sia importante puntare sul binomio di azioni programmato da ATA: un’attenta pianificazione dei servizi e una continua e capillare comunicazione con i Comuni e i cittadini. I risultati ottenuti sono in primis il risultato delle azioni dei singoli e della loro consapevolezza sull’importanza di fare una buona raccolta differenziata per la tutela del Pianeta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X