facebook rss

La curva nord trascina l’Ancona Matelica,
Pontedera battuto all’inglese
Grande festa al Del Conero

SERIE C - Seconda vittoria di fila per i biancorossi che si impongono 2 a 0 con le reti di Rolfini e Sereni. Incessante il tifo dei 1300 della curva, riaperta dopo cinque anni
Print Friendly, PDF & Email

ancona-matelica-pontedera

Tifosi alla curva nord, riaperta oggi al Del Conero

 

di Andrea Cesca

L’Ancona-Matelica concede il bis. Dopo aver battuto l’Olbia i biancorossi mandano al tappeto anche il Pontedera allo stadio Del Conero. 2 a 0 il risultato finale con le reti di Rolfini e Sereni. Nel primo tempo la squadra di Colavitto subisce il contraccolpo psicologico per l’errore dagli undici metri di Moretti e l’infortunio di capitan Papa. Il Pontedera tiene il pallino del gioco ma non ne approfitta. Nel secondo tempo spinta da un tifo incessante l’Ancona-Matelica cambia ritmo e non lascia scampo all’avversario. Da segnalare l’infortunio all’arbitro, sostituito dal quarto uomo al 70’. Ben dodici i minuti di recupero concessi.

roberta-nocelli-del-conero

Roberta Nocelli i curva

Allo stadio Del Conero riapre la curva nord, i tifosi di fede dorica tornano nel settore prediletto dopo cinque anni. Insieme a loro, come promesso in settimana, la presidente Roberta Nocelli. La Commissione Provinciale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo ha dato il via libera per poter usufruire della capienza di 7450 posti. Oltre alla tribuna nella partita con il Pontedera resta aperta anche la curva sud che ospita quattro intrepidi supporters granata. L’Ancona-Matelica deve fare a meno di Delcarro, vittima di un infortunio nella vittoriosa trasferta di Avellino in Coppa Italia, al suo posto Iannoni. Vitali e Rolfini vengono preferiti ad Avella e Del Sole, non al meglio.

La squadra toscana imbattuta dopo tre giornate di campionato si rende subito pericolosa. Al 6’ Barba servito da Magnaghi calcia rasoterra con il sinistro in area, la palla schizza sul terreno bagnato e colpisce il palo. L’Ancona-Matelica scampato il pericolo ha l’occasione per sbloccare il risultato. All’11’ un’imbucata di Moretti mette Rolfini davanti al portiere avversario, l’estremo difensore in uscita aggancia la gamba del numero 9, l’arbitro concede senza esitazioni il calcio di rigore. Sul dischetto degli undici metri Moretti si fa ipnotizzare, Angeletti intuisce la traiettoria e respinge la massima punizione; secondo errore dal dischetto per Moretti dopo quello di Coppa Italia contro l’Aquila Montevarchi. Un sinistro a girare di Rolfini al 14’ lambisce il palo.

Il centrocampo dell’Ancona-Matelica già privo di Delcarro dopo una ventina di minuti perde anche Papa per un guaio muscolare. Il capitano si tocca la parte posteriore della coscia e si butta a terra, nonostante i tentativi dei sanitari per rimetterlo in piedi deve lasciare il campo sostenuto a braccia; entra Gasperi.

I padroni di casa faticano a riorganizzarsi, il Pontedera prende il comando delle operazioni sulla linea mediana. Prima del riposo Perretta crossa in area, la girata di prima intenzione di Magnaghi finisce tra le mani di Vitali. Poi l’estremo difensore biancorosso sventa in uscita un tentativo dello stesso Magnaghi e un sinistro di Mutton.

Il tifo della curva biancorossa (1300 anime) è incessante. Innoni fa quasi tutto il campo palla al piede e serve Rolfini, il tiro chiama alla parata a terra Angeletti. Il gioco resta fermo qualche istante dopo nove minuti della ripresa, l’arbitro si porta a bordo campo e chiede l’intervento dei sanitari dell’Ancona-Matelica per un problema ad un piede. Spinti dal pubblico amico i padroni di casa vanno vicinissimi alla segnatura con una girata di testa di Rolfini su assist di Iannoni, ci arriva con la punta delle dita Angeletti.

Sotto la curva

Il gol è nell’area e arriva al 58’: cross di Tofanari dalla destra, sfiora Moretti di testa, il destro al volo di Sereni a centro area è letale, 1 a 0. Il Pontedera non si da per vinto, al 16’ Di Renzo si oppone ad una conclusione ravvicinata di Mutton. L’arbitro Fabio Rosario Luongo si distende a terra sul cerchio del centrocampo, intervengono ancora i sanitari dell’Ancona-Matelica; i giocatori ne approfittano per rifocillarsi. Luongo non ce la fa a continuare, al minuto 68’ il fischietto campano va verso la panchina del quarto uomo e lascia il terreno di gioco. Il primo arbitro diventa Rutella di Enna.

L’Ancona Matelica trova il raddoppio al 78’: l’arbitro da la regola del vantaggio ai padroni di casa per un fallo su Moretti, Gasperi serve in area Rolfini, il numero 9 si gira e calcia di sinistro, Angeletti tocca ma la palla sbatte sul palo e termina in rete, 2 a 0. Anche il neo entrato Ruani impegna Angeletti, sulla ribattuta Moretti calcia fuori.

Nonostante l’interminabile recupero il risultato non cambia. L’Ancona-Matelica fa festa, i giocatori vanno a raccogliere i meritati applausi sotto alla curva nord. Anche Mauro Canil va sotto la curva ad applaudire i tifosi biancorossi.

ancona-pontedera4-325x217

La formazione schierata oggi dall’Ancona Matelica

ANCONA MATELICA (4-3-3): Vitali 7; Tofanari 6 (38’ st Noce ng), Masetti 6,5 Iotti 6,5, Di Renzo 6,5; D’Eramo 6 (38’ st Ruani ng) Papa ng (24’ pt Gasperi 6,5), Iannoni 6,5; Rolfini 7, Moretti 5,5, Sereni 7 (38’ st Faggioli ng). A disp.: Canullo, Avella, Bianconi, Sabattini, Farabegoli, Vrioni, Del Sole, Maurizii. All.: Colavitto 7

PONTEDERA (3-5-2): Angeletti 7; Shiba 6, Matteucci 6, Espeche 6; Perretta 5,5 (43’ st Mattioli ng), Benedetti 6 (25’ st Catanese ng), Caponi 6 (35’ st Benericetti ng), Barba 6 (43’ st Marianelli ng), Milani 5,5 (43’ st Parodi ng); Magnaghi 6, Mutton 5,5. A disp.: Sposito, Santarelli, Bardini, Pretato, Di Meo, D’Antonio, Benericetti, Regoli. All.: Maraia 5,5

Arbitro: Luongo di Napoli 6

Assistenti: Dell’Arciprete di Vasto e Tomasi di Schio. Quarto uomo: Rutella di Enna

Reti: st. 13’ Sereni (AM), 32’ Rolfini (AM)

Note: spettatori 2110 per un incasso di euro 19918. Ammoniti Angeletti, Caponi, Tofanari, Mutton, Matteucci. Calci d’angolo 3 a 8. Recupero: 12’ (pt 2’+ st 10’)

ancona-pontedera3-650x488

ancona-pontedera-2-650x488

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X