facebook rss

Due giornate di studi
con i massimi esperti di Dante

JESI - Gli incontri con gli studiosi del Sommo Poeta si svolgeranno nella Sala Maggiore di Palazzo della Signoria il 2 ed il 9 ottobre prossimi. Per partecipare richiesti prenotazione e green pass
Print Friendly, PDF & Email

Il prof. Franco Musarra con Roberto Benigni

 

 

Nell’ambito delle celebrazioni dedicate ai 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, il Comune di Jesi, in collaborazione con la Fondazione Federico II, propone due giornate di studi, rivolte a curiosi ed appassionati, con un ricco programma, scandito dagli interventi di eminenti studiosi. «Gli incontri – fa sapere una nota del Comune di Jesi – si svolgeranno nella splendida cornice della Sala Maggiore di Palazzo della Signoria: sabato 2 ottobre si parlerà di “Dante e la Casata Sveva” e gli interventi saranno coordinati dal prof. Franco Musarra, che all’estrema competenza in materia aggiunge la potenza veicolatrice del messaggio dantesco per mezzo dell’amicizia che lo lega a Roberto Benigni, mentre sabato 9 ottobre la giornata sarà dedicata a “Dante nelle Marche e la questione della lingua”, con la moderazione del dr. Marco Torcoletti, stimato giornalista e grande appassionato dell’opera dantesca».

Sabato 2 ottobre, alle ore 10 il prof. Edoardo D’Angelo (filologia latina medievale e umanistica presso l’Università Sant’Orsola Benincasa di Napoli e dottore della Sorbona) presenterà Guido da Montefeltro, francescano collocato da Dante all’Inferno. Seguirà il prof. Federico Canaccini (ricercatore in Storia Medioevale presso la Uninettuno University), che offrirà un interessante ritratto di Manfredi ed illustrerà come viene presentato da Dante nel III canto del Purgatorio.
Sara Tassi (storica dell’arte) attraverso un sintetico excursus darà conto della fortuna dell’illustrazione della Divina Commedia dal Medioevo all’età contemporanea. Dopo la pausa, i lavori riprenderanno alle ore 15: la professoressa Anna Laura Trombetti (già ordinaria di Storia medievale presso la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Bologna e traduttrice del “De Arte venandi cum avibus”) tratterà l’aspetto inedito della conoscenza da parte di Dante della nobile caccia con il falcone, così amata da Federico II. Al prof. Pietro Dalena (ordinario di Storia medievale presso l’Università della Calabria) spetterà poi il compito di inquadrare il pensiero di Dante sulla casata Sveva, nella Divina Commedia che nelle altre opere dantesche. A chiudere la giornata sarà Marcello Toninelli, autore della Divina Commedia a fumetti.

Sabato 9 ottobre la sessione mattutina, a partire dalle ore 10, vedrà ospite per primo il prof. Lorenzo Focanti, docente e ricercatore, che tratterà la controversa ed affascinante questione del Liber Dantis, stampato da Federico de’ Conti. A seguire, la professoressa Nadia Cannata (Università La Sapienza) indagherà il tema della linguistica dantesca, nell’ambito della cultura del primo Rinascimento, con focus sulla figura del grande umanista jesino Angelo Colocci. Il ricercatore e docente Lorenzo Manenti chiuderà la sessione mattutina, trattando la figura di un lettore d’eccellenza del sommo poeta, l’anconetano Agostino Trionfi. Dopo la pausa pranzo, dalle 15.30, il prof. Alfio Albani (saggista, docente e preside dell’Iis Cuppari-Salvati di Jesi) parlerà del contributo dell’Ordine francescano alla diffusione ed alla fortuna dell’opera di Dante nella nostra regione. Ancora il Liber Dantis, nell’esame delle varianti e degli errori legati alla celebre edizione a stampa, di dibattuta natalità jesina, sarà argomento della relazione del professor Luigi Spagnolo (Università per Stranieri di Siena). Infine, il regista di origini jesine Matteo Gagliardi, autore del docufilm di prossima uscita “Mirabile Visione”, parlerà della monumentale opera del cosiddetto Doré italiano, il pittore Francesco Scaramuzza, cui è dedicato il volume, appena pubblicato da Allemandi, ideato proprio a sostegno della campagna di raccolta fondi per “Mirabile Visione”, del quale sarà proiettato il trailer. «Per la partecipazione in presenza è richiesta la prenotazione ed il possesso della certificazione verde Covid-19 (green pass). Gli interventi saranno trasmessi in diretta sulla pagina facebook “Biblioteca Planettiana Jesi” e rimarranno qui disponibili per la visione in differita.» chiude il comunicato del Comune (Info e prenotazioni: 0731538345 – planettiana@comune.jesi.an.it).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X