facebook rss

«La sentenza sul piccolo Eitan
può aiutare a definire
anche il caso di Emilio Vincioni»

ANCONA – Il consigliere regionale Giacomo Rossi (Civici Marche) teme che la vicenda del papà di Sassoferrato e di sua figlia, italiana ma nata in Grecia e trattenuta lì dall’ex moglie, «possa aprire un pericoloso precedente giurisprudenziale». L’8 novembre in una riunione con i parlamentari marchigiani chiederà loro «di farsi promotori di un incontro con il ministro degli Esteri»
Print Friendly, PDF & Email

Giacomo Rossi

 

 

La giudice del Tribunale della Famiglia di Tel Aviv, ha deciso che Eitan, il bimbo israeliano di sei anni, sopravvissuto al disastro del Mottarone, deve rientrare in Italia, a Pavia a casa della zia paterna, in base alla Convenzione internazionale dell’Aja. Il piccolo era stato portato in Israele, senza permesso, dal nonno materno a settembre e, a due settimane dalla fine delle udienze in Tribunale a Tel Aviv con le due famiglie che si contendono la custodia del bambino, è arrivata la sentenza, comunque appellabile. «L’ultima sentenza sul piccolo Eitan, seppur appellabile, sia l’auspicio per rendere giustizia anche alla vicenda tutta marchigiana di Emilio Vincioni e di sua figlia». Commenta il consigliere regionale dei Civici Marche, Giacomo Rossi, primo firmatario della “Mozione Vincioni” che pochi giorni fa è stata votata all’unanimità dal Consiglio regionale delle Marche e che chiede alla Regione di attivarsi presso le sedi governative e diplomatiche per sbloccare il noto caso del papà di Sassoferrato. L’uomo chiede di riabbracciare la figlia di nazionalità italiana che è nata e continua a vivere in Grecia con l’ex moglie.

«La vicenda di Emilio Vincioni – continua il consigliere dei Civici Marche – è un caso ancora più emblematico di quello del piccolo Eitan visto che riguarda una bambina ed un genitore, entrambi marchigiani: un caso che può aprire un pericoloso precedente giurisprudenziale per cui, se un bambino con genitori residenti in Italia nasce all’estero, può essere sottratto e trattenuto da uno dei due coniugi, negando così anche i sacrosanti diritti di frequentazione ed affettività tra bambino e padre/madre. Per l’8 novembre presso il Palazzo della Regione – conclude Rossi – ho organizzato un incontro dove ho invitato tutti i deputati e i senatori eletti nelle Marche affinché, al di là delle appartenenze politiche, si possa analizzare insieme la vicenda. Chiederò agli stessi parlamentari che si facciano portavoce e promotori di un incontro con il Ministro degli Esteri».

 

Consiglio regionale, voti unanimi per la mozione sul papà di Sassoferrato che chiede di riabbracciare la figlia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X