facebook rss

Judo, il maestro Riccardo Coppari
presenta il suo libro “Metodo Perfetto”

JESI – Nell’ambito del progetto 'Spazio, Giovani' all’Hotel Federico II si è svolto l’incontro pubblico con il docente delle palestre della Judo Samurai di Jesi-Chiaravalle che si ispira al ‘Metodo Conativo’ applicabile sia ai diversamente abili che ai normodotati
Print Friendly, PDF & Email

Un momento dell’incontro pubblico di presentazione del libro ‘Metodo Perfetto’

 

Si è svolta lunedì scorso, 1 novembre, alle ore 18,30 all’Hotel Federico II di Jesi la presentazione del libro “Metodo Perfetto” del professore Riccardo Coppari, davanti ad una sala gremita di un centinaio di persone tra ragazzi e genitori. Il professore Riccardo Coppari è un noto insegnante anche di judo delle palestre della Judo Samurai di Jesi-Chiaravalle; l’idea del libro nasce dalla sua tesi di laurea sul Metodo Conativo, punto di riferimento nell’applicazione e nello sviluppo di questo metodo sia con i diversamente abili che con i normodotati.«Si chiama “Metodo Perfetto”, ma non è una presunzione,- sottolinea una nota ufficiale dell’evento – è il Metodo Conativo del prof. Gilles Bui-Xian, accademico francese dell’Università Cote d’Opôle di Parigi e dell’Università di Lille, un metodo studiato da oltre 20 anni e messo a punto con i disabili, che produce effetti benefici sia ai diversamente abili che ai normodotati. Da parte di tutti, genitori, insegnanti, atleti e Istituzioni (era presente il presidente dell’Asp-Ambito 9, Matteo Marasca) ci sono stati apprezzamenti per il libro e per il prof. Riccardo Coppari, autore e anima del ‘Metodo Perfetto’ in Italia».

L’evento rientra nell’ambito del progetto “Spazio Giovani: insieme per crescere e progredire” un percorso dedicato ai giovani 16-35 anni, dell’associazione capofila l’associazione Help S.o.S. Salute e Famiglia odv di San Severino Marche, che si è vista riconoscere un finanziamento dalla Regione Marche con fondi del Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale, per avviare una serie di attività sul territorio finalizzate alla “valorizzazione della dimensione creativa dei giovani, della loro capacità di ricerca e innovazione”. Sono coinvolti partner istituzionali come l’Asur, l’Unione montana del Potenza, Esino e Musone, l’Ambito sociale 17 di San Severino, associazioni culturali e sportive: l’associazione giovanile Judo Samurai di Jesi-Chiaravalle, il Centro culturale Andrej Tarkovskij di San Severino, l’Age Marche, l’Uisp di Jesi, il centro J-Etic di San Severino e l’associazione “Equilibri”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X