facebook rss

L’ultima sfida dei bulli:
sputi sulla vetrina
del Museo del Figurino Storico

OSIMO - Si ritrovano fin dal pomeriggio sulle scale interne del Mercato Coperto e oltre a schiamazzare, infastidire a volte passanti e turisti diretti alle Grotte del Cantinone, lasciano rifiuti sui gradini. «Dal 1 dicembre saremmo sempre aperti tutti i giorni e se questi ragazzini continueranno a tenere comportamenti inopportuni, segnaleremo alle forze dell’ordine» assicura il presidente della galleria Gianluca Mengoni
Print Friendly, PDF & Email

La vetrina dela Civica Galleria del Figurino Storico di Osimo

 

I ‘bulli’ si spostano dalle piazze centrali di Osimo sulle scale del Mercato Coperto che collegano via San Francesco con via Fontemagna. La gradinata interna al mercato ortofrutticolo, che si svolge solo di mattina, conduce all’Ufficio Urp del Comune di Osimo, alla sala convegni e alle Grotte del Cantinone ma anche ad un locale e al Museo-Galleria del Figurino Storico. Spesso, già di pomeriggio diventa luogo di incontro di un gruppetti di adolescenti non proprio educati questo ‘varco’ del centro storico, imboccato non solo da tanti osimani ma anche dai turisti intenzionati a visitare la città sotterranea. Oltre stazionare seduti sui gradini, a schiamazzare e a infastidire a volte i passanti, i ragazzi sono soliti lasciano sul terreno cartacce, rifiuti e sputi.

«Dal 1 dicembre la Civica Galleria del Figurino Storico sarà sempre aperta grazie a 3 ragazzi che svolgeranno il servizio civile ‘Garanzia Giovani’ finanziato dalla Regione Marche, il nostro museo verrà inserito nel percorso turistico osimano e questa situazione potrebbe diventare un problema visto che troviamo spesso spunti sulla vetrina – racconta l’avvocato Gianluca Mengoni, presidente del contenitore culturale – Speriamo che questo ragazzini non diventino molesti altrimenti saremo costretti a segnalare i loro comportamenti inopportuni alle forze dell’ordine». E non è il solo a lamentarsi per quello che accade su quelle scale, sporche di immondizia dopo le visite di gruppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X