facebook rss

Green pass e mascherine,
controlli e multe dei Nas per locali,
palestre, supermercati e farmacie

ANCONA - Le verifiche sul rispetto dell’obbligo del certificato verde per l’accesso a determinate categorie di servizi e per i lavoratori sono state svolte in oltre 160 attività, 23 delle quali risultate non conformi. Multe elevate per 25mila circa e sequestri per 180mila euro. Visitate altre 32 strutture, tra le quali laboratori analisi, e sanzionati per il mancato uso dei dispositivi di protezione 4 gestori per oltre di 11mila euro
Print Friendly, PDF & Email

 

Green pass sui luoghi di lavoro e per l’accesso ai pubblici esercizi: controlli a tappeto dei Carabinieri del Nas di Ancona in tutta la provincia. Le verifiche sono state incentrate sul rispetto dell’obbligo del certificato verde per l’accesso a determinate categorie di attività e servizi, in linea con la campagna nazionale disposta dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, prosegue anche sul fronte delle verifiche circa l’obbligo del possesso anche per i lavoratori, introdotto dallo scorso 15 ottobre. Sino ad oggi, il Nas nella sola provincia anconetana, ha ispezionato oltre 160 attività, tra esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, palestre, piscine, sale da gioco/slot, supermercati, discoteche, centri benessere/estetici, di cui 23 sono risultate non conformi. Le sanzioni amministrative contestate sono state complessivamente 35 per un valore di euro 25.000 circa: 10 di queste hanno riguardato la mancata osservanza delle norme sull’obbligo del green pass. Nel complesso 26 soggetti sono stati segnalati all’autorità amministrativa e sanitaria, mentre il valore dei sequestri effettuati nel corso delle suddette attività ammonta a circa 180.000 euro.

Gli interventi hanno riguardato inoltre la corretta applicazione delle restanti misure di contenimento alla diffusione epidemica, le operazioni di sanificazione, l’uso delle mascherine, le informazioni agli utenti e agli stessi dipendenti sulle norme di comportamento e di distanziamento. I controlli sono infine stati rivolti anche alle farmacie e agli ambulatori di analisi per verificare la corretta attuazione delle disposizioni relative alle modalità di esecuzione dei testi rapidi e dei tamponi per la ricerca del Covid 19. Al riguardo sono state ispezionate 32 strutture e sanzionati 4 gestori contestando 5 violazioni amministrative per un importo complessivo di oltre di 11.000 euro.

Inoltre, nel corso dei servizi di controllo del territorio volti alla prevenzione e repressione dei reati svolti durante il week-end, i Carabinieri della Compagnia di Ancona hanno controllato 157 persone e 108 autovetture, contravvenzionando 2 persone per guida senza cintura, 2 per uso del cellulare alla guida ed un ulteriore utente della strada per eccesso di velocità. Peraltro, i Carabinieri, unitamente al personale del Nas, hanno sanzionato amministrativamente – per la violazione delle normative attinenti l’emergenza epidemiologica Covid-19 – due avventori ed il titolare di un esercizio commerciale sito nei pressi della Stazione ferroviaria del capoluogo di regione. Nello specifico, al momento del controllo, un primo soggetto veniva trovato all’interno del locale sprovvisto dei dispositivi di protezione delle vie aeree, il secondo avventore, invece, veniva sorpreso a consumare una bevanda alcolica seduto al tavolino, benché sprovvisto di green-pass. Oltre alle sanzioni amministrative previste dalla normativa vigente, è immediatamente scattata anche la sanzione accessoria che prevede la chiusura dell’esercizio commerciale per 5 giorni.

Infine, ulteriori due sanzioni amministrative accessorie, che prevedono la chiusura per 5 giorni dell’attività commerciale, sono state elevate nei confronti dei titolari di due locali nella zona del “Piano”. In particolare, nel primo caso, all’ingresso dei Carabinieri, vi era un avventore intento a fare acquisti senza indossare la mascherina. Nel secondo episodio, un cliente del locale controllato veniva sorpreso a consumare all’interno senza essere munito di green-pass valido.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X