facebook rss

Capriolo sbranato
dai lupi a Montemarciano

IL RINVENIMENTO in via San Pietro, all'altezza del quartiere “Bosco della Castagnola”
Print Friendly, PDF & Email

Allarme ieri mattina in via San Pietro quando è stata segnalata al comando della Polizia locale e ai Carabinieri la presenza di una carcassa di animale dilaniata dai predatori. A seguito delle segnalazioni, una pattuglia della Polizia locale con il comandante Pierluigi Fabbracci si è recata in via San Pietro, in prossimità dell’ingresso del quartiere “Bosco della Castagnola”, dove su un terreno a margine della strada, è stata effettivamente rinvenuta la carcassa di un capriolo, presumibilmente divorato da lupi. Il capriolo era riconoscibile soltanto per la testa e le zampe. E’ stato anche informato il comando dei carabinieri forestali di Ancona e interessato il Cras Marche (Centro recupero animali selvatici delle Marche), che dopo un intervento e le verifiche del caso, ha effettuato il recupero della carcassa. In quel tratto spesso sono stati avvistati caprioli transitare lungo le campagne oltre che attraversare la strada, tanto che recentemente sono anche stati investiti da autoveicoli ed è stato necessario provvedere alla rimozione delle carcasse. Anche in questo caso, è probabile che l’animale sia stato investito da un’auto e che successivamente la carcassa sia stata ritrovata e divorata da lupi. Proprio lo scorso mese di novembre in via Santa Veneranda, poche centinaia di metri dal punto del ritrovamento della carcassa di capriolo, era stato avvistato un branco di cinque lupi.
L’Amministrazione Comunale e la Polizia Locale raccomandano pertanto ai cittadini «di evitare passeggiate nelle zone periferiche o in prossimità di aree rurali durante le prime ore del mattino e la sera, in quanto anche nei mesi scorsi si sono verificati vari avvistamenti di lupi nel territorio di Montemarciano e nei Comuni limitrofi. In caso di avvistamento, sia dei lupi che di carcasse di animali che ne possano attestare il passaggio, si raccomanda di segnalare tempestivamente alle forze dell’ordine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X