facebook rss

Ubriaco, molesta una ragazza sul bus:
condannato a due anni

ANCONA - La pena stabilita dal tribunale per un 42enne siciliano senza fissa dimora, accusato di violenza sessuale per aver toccato le parti intime di una 18enne a bordo della linea R della Conerobus. L'episodio nel tardo pomeriggio del 29 novembre del 2016 nella tratta tra Camerano e il capoluogo
Print Friendly, PDF & Email

 

Molesta e importuna una ragazza sul bus: condannato a due anni di reclusione per violenza sessuale. La pena è stata inflitta questa mattina dal tribunale di Ancona a un 42enne siciliano senza fissa dimora. Vittima, un’anconetana che all’epoca dei fatti, il 29 novembre del 2016, aveva 18 anni. Non si è costituita parte civile. La ragazza aveva sporto in denuncia il giorno dopo, in questura. L’episodio è avvenuto lungo la linea R, nella tratta da Camerano e Ancona. Stando a quanto emerso, l’uomo si era avvicinato alla vittima, cercando di baciarle la mano. Poi si era seduto al suo fianco. «Ricordo – ha detto la giovane in aula – che quell’uomo emanava un forte odore di alcol. Mi aveva iniziato a chiedere se fossi mai stata con dei ragazzi del sud, se fossi fidanzata e se sapessi cucinare». Tutte domande che avevano trovato il muro della vittima. «Tanto che poi lui aveva cambiato tono di voce, dicendomi: “voi anconetane siete tutte fredde”». Poi, la mano del 42enne era finita sulla coscia di lei. «L’avevo scansata prima che potesse arrivare all’inguine». Infine, la palpata sul seno. Le urla della ragazza avevano fatto fermare il bus, ormai arrivato al terminal di piazza Cavour. La vittima si era sfogata con il conducente, in un pianto a dirotto. Il molestatore aveva guadagnato l’uscita del bus. Il giorno seguente era stata sporta denuncia in questura. Erano stati gli accertamenti condotti dalle Volanti, anche attraverso la visione delle telecamere interne al mezzo, a risalire all’identità del passeggero molesto.

(fe.ser)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X