facebook rss

Restyling Stadio Dorico,
dal Ministero 400mila euro

ANCONA - Gli interventi prevedono l'inserimento di essenze arboree e di attrezzature ed infrastrutture quali strutture ombreggianti, pedane in materiali a basso assorbimento di calore
Print Friendly, PDF & Email

I lavori di demolizione della tribuna dello Stadio Dorico

 

Il Comune di Ancona ha partecipato ed è stato ammesso al finanziamento previsto dal bando del Ministero della Transizione ecologica, denominato “Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano”.  Tale programma è finalizzato ad aumentare la resilienza di aree cittadine soggette ai rischi generati dai cambiamenti climatici, con particolare riferimento alle ondate di calore e ai fenomeni di precipitazioni estreme e di siccità.

Il bando, riservato alle città con più di 60mila  abitanti, ha destinato al Comune di Ancona una cifra pari a 448.874 euro. L’Amministrazione ha partecipato al bando con un intervento sullo Stadio Dorico, così da affrontare il tema della resilienza dei centri urbani ai rischi generati dai cambiamenti climatici, declinandolo all’interno di un’opera pubblica di ampio respiro; il costo complessivo dell’intervento è pari a 444.400 euro, interamente coperto dal finanziamento ministeriale Il progetto è stato dichiarato ammissibile a finanziamento a fine dicembre con una lettera del Ministero.

L’assessore Polenta e il sindaco Mancinelli

«In ogni intervento che realizziamo vogliamo tenere ben presente la transizione ecologica. Anche la riqualificazione dello Stadio Dorico, in fase avanzata, si arricchisce con un progetto sperimentale per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano – afferma il sindaco Valeria Mancinelli – Il contenitore sarà dotato di strutture ombreggianti, essenze arboree, piante e speciali pedane, per il relax e l’attività fisica. Dopo i circa 20 milioni di euro ottenuti per Mercato delle erbe, Biblioteca Benincasa, Palaveneto, completamento Mole e Pinacoteca, un altro progetto finanziato, di grande qualità».

«Ci siamo fatti trovare pronti per partecipare e vincere questo bando di finanziamento a carattere sperimentale del Ministero della Transizione ecologica – afferma l’assessore all’ambiente Michele Polenta -. I fondi verranno investiti nelle aree comuni dello stadio Dorico, aperte alla cittadinanza. Tutto ciò con l’intento di creare nuovi spazi che restino fruibili anche quando si manifestano eventi climatici estremi come le bombe d’acqua o le isole di calore nei periodi estivi. Insomma favorire lo sviluppo di un ambiente più resiliente, capace di contrastare i cambiamenti climatici in atto».

Nello specifico, gli interventi prevedono l’inserimento di essenze arboree e di attrezzature ed infrastrutture quali strutture ombreggianti, pedane in materiali a basso assorbimento di calore. Entrambi gli interventi contribuiscono a contrastare le ondate di calore nell’area di intervento, tenendo conto del contesto urbano in cui si trova la struttura sportiva, ovvero una zona densamente popolata e con una alta percentuale di popolazione anziana. Ai due interventi si aggiunge la realizzazione di una cisterna per la raccolta delle acque piovane da utilizzarsi per l’irrigazione delle nuove piantumazioni, anche con fini dimostrativi ed educativi. Infine, la messa in opera della pavimentazione in materiale drenante sempre all’interno della stessa area, è finalizzata a ripristinare la permeabilità del suolo, contrastando altresì il ruscellamento superficiale in caso di eventi meteorici intensi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X