facebook rss

Nuova pista ciclabile,
via i parcheggi da via XXIX settembre
Stalli ‘trasferiti’ al porto

ANCONA - Redatto dall'amministrazione un documento per ridefinire la sosta, a causa della perdita dei posteggi in via XXIX settembre legata ai lavori per definire il percorso riservato ai ciclisti. Le auto dei residenti, 'orfane' dei park, potranno fermarsi in via Da Chio, a pochi passi dalla Mole Vanvitelliana
Print Friendly, PDF & Email

Un tratto della ciclabile agli Archi

 

La nuova pista ciclabile tra via XXIX settembre e via Marconi porterà a una rivoluzione dei parcheggi. Il progetto definitivo per il percorso riservato a bici e monopattini, infatti, prevede l’eliminazione di 41 posti auto in via XXIX settembre. Una riduzione che potrebbe portare dei disagi non solo per i cittadini che desiderano parcheggiare a ridosso del centro, ma soprattutto per i residenti. E allora, ecco una prima bozza di soluzione: destinare un’area della Banchina da Chio agli stalli per i residenti. In un documento redatto dall’amministrazione, è stata ipotizzata una nuova mappa per la sosta che si basa su un’ordinanza firmata lo scorso settembre dal commissario straordinario dell’Authority Giovanni Pettorino. L’ammiraglio ha autorizzato «il Comune di Ancona ad occupare l’area stradale adibita a sosta veicolare posta lungo Via Da Chio, presso la scala di accesso al piazzale di Porta Pia»; l’atto prevede che «l’Amministrazione comunale utilizzi la suddetta area per “offrire una tempestiva risoluzione delle problematiche correlate alla riduzione degli spazi di sosta pubblici residenziali”».

L’area dove sorgeranno i nuovi stalli

Preso atto che tra via Rupi e via XXIX settembre sono stati rilasciati 79 permessi di sosta, che in orario serale risultano esserci non più di 45 veicoli posteggiati muniti di tesserino residenti e che dove insisterà la ciclabile nel tratto interessato si perderanno 41 posti auto («potrebbe avere un impatto significativo sulla disponibilità di sosta per i residenti delle due vie interessate»), l’amministrazione ha pensato a tale soluzione: trasferire le auto ‘esodate’ lungo la Banchina da Chio, a ridosso della scalinata di Porta Pia. E’ previsto un massimo di 35 stalli.  «Prevedendo in quest’area uno spazio di sosta per i residenti – si legge nell’atto di giunta – occorre dotare gli spazi di idonee attrezzature per la gestione ed il controllo della sosta, di illuminazione e videosorveglianza; inoltre occorre verifìcare adeguatamente la disciplina della viabilità in ingresso ed uscita». Verrà istituita appositamente una nuova zona, per identificare il permesso sosta, che comprenderà via XXIX settembre, via Rupi e via Da Chio. Un pacchetto di vie che, dunque, uscirà dalla zona ‘Centro’ e risulterà avere una propria indipendenza.  L’amministrazione ha dato mandato alla società Mobilità e Parcheggi di predisporre la nuova area di sosta «attrezzata con idoneo sistema di ingresso automatizzato che ne garantisca l’utilizzo esclusivo da parte dei residenti ed autorizzati, adeguatamente illuminata e dotata di sistema di videosorveglianza. Inoltre, gli uffici dovranno valutare la disciplina della viabilità di accesso/uscita dall’area apportando gli eventuali correttivi laddove necessari».

(fe.ser)

 

Illuminazione dedicata e più sicurezza: ecco la nuova pista ciclabile Ma toglierà posti auto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X