facebook rss

«Le Usca non vanno smantellate»

ANCONA - Il capogruppo regionale del Pd, Maurizio Mangialardi auspica che siano mantenute dopo la fine dello stato di emergenza sanitaria e diventino caposaldo della riforma del sistema sanitario nazionale
Print Friendly, PDF & Email

Maurizio Mangialardi

 

 

«La prossima settimana il Parlamento voterà l’emendamento presentato dal Partito Democratico al decreto legge 24/2022 inerente le disposizioni sulla cessazione dello stato d’emergenza, che chiede la proroga dell’operatività delle Usca fino al prossimo 31 dicembre, anziché al 30 giugno come previsto dal testo uscito dalle commissioni. L’emendamento, a prima firma dell’onorevole Paolo Siani, non è solo opportuno, ma doveroso, considerata l’ancora alta incidenza dei contagi nel territorio nazionale e la possibile recrudescenza che si potrebbe registrare in autunno. Per questo auspico che il Parlamento sappia trovare i numeri necessari per approvare la proposta di proroga ed evitare un imprudente abbassamento della guardia di fronte al Covid che continua a circolare in tutto il Paese». Il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi, è convinto del ruolo importante svolto dalle Usca (e he potranno ancora svokgere) nell’emergenza sanitaria.

«Del resto – spiega Mangialardi – la medicina del territorio, e in particolare le Usca, hanno dimostrato tutta la loro fondamentale importanza durante la pandemia, sia sotto l’aspetto dell’efficacia e della tempestività del servizio a domicilio rivolto al cittadino, sia per la capacità di alleggerire la pressione sulle strutture ospedaliere, evitandone il collasso. Personalmente sono convinto che tali strutture non solo vadano mantenute operative per tutto il 2022, stanziando ovviamente le risorse economiche necessarie al loro regolare funzionamento, ma è necessario, seguendo coerentemente i principi indicati dalla missione Salute del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, iniziare a pensarle come il caposaldo di una profonda riforma del sistema sanitario nazionale. Una riforma assolutamente necessaria, come purtroppo il dramma del Covid ha largamente dimostrato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X