facebook rss

Tod’s, primo trimestre 2022 a +23%
Della Valle: «Valori superiori al pre-Covid»

IL PRESIDENTE e ad del Gruppo: «Mentre aspettiamo di valutare meglio l’impatto della guerra in Ucraina ed i segnali che arrivano dalla Cina sul fronte pandemia, continuiamo a sviluppare ogni marchio in modo coerente con la sua strategia ed il suo dna, facendo tutti gli investimenti necessari»
Print Friendly, PDF & Email

Diego-Della-Valle-1-400x267

Diego Della Valle

«Ottimi risultati nel primo trimestre 2022 (+23% rispetto a Q1 2021). Solida crescita dei ricavi retail in tutti i marchi, le categorie di prodotto e le aree geografiche». Tod’s, con il suo Cda, ha approvato  i dati di vendita del primo trimestre 2022.
Il Consiglio di Amministrazione di Tod’s spa, società quotata alla Borsa di Milano ed a capo dell’omonimo gruppo italiano del lusso, attivo nella creazione, produzione e distribuzione di calzature, accessori e abbigliamento di lusso e di alta qualità con i marchi Tod’s, Hogan, Fay e Roger Vivier, ha approvato oggi i dati di vendita del Gruppo Tod’s relativi al primo trimestre 2022 (1 gennaio – 31 marzo 2022).

«Nel primo trimestre dell’anno, il gruppo –  commenta il presidente Diego Della Valle – ha registrato una solida crescita a doppia cifra dei ricavi, che sono tornati a valori superiori a quelli pre-pandemia. I primi due mesi hanno avuto un andamento molto buono per tutti i nostri marchi, in tutto il mondo, a conferma del grande apprezzamento dei clienti per la creatività delle nostre collezioni e la qualità dei nostri prodotti. Il mese di marzo ha risentito del rallentamento che ha registrato il settore lusso nel mercato cinese, per le nuove e rigide restrizioni imposte dal governo per fronteggiare i nuovi casi di Covid in diverse città. Siamo in attesa della riapertura dei negozi per tornare a crescere anche su questo mercato.
Particolarmente buoni i ricavi dei nostri negozi, che nel trimestre sono stati superiori a doppia cifra rispetto al primo trimestre 2019, anche grazie agli investimenti fatti nella rete distributiva e ad una accurata politica di comunicazione, di marketing e di Crm. Mentre aspettiamo di valutare meglio l’impatto della guerra in Ucraina ed i segnali che arrivano dalla Cina sul fronte del Covid, continuiamo a sviluppare ogni marchio in modo coerente con la sua strategia ed il suo dna, facendo tutti gli investimenti necessari. L’obiettivo che ci siamo posti è quello di concentrarci sul massimo valore patrimoniale che possiamo dare ai singoli marchi e, quindi, al gruppo Tod’s. E per ottenere questo faremo tutto quello che è necessario. Auspichiamo inoltre che questa tragica guerra possa finire il prima possibile, riportando la pace a tutte le persone».

Nei primi tre mesi del 2022, il fatturato consolidato del Gruppo Tod’s ammonta a 219,6 milioni di euro, in crescita del 23% rispetto al primo trimestre 2021. Positivo l’impatto delle valute, che è particolarmente visibile per i marchi Tod’s e Roger Vivier, che hanno la maggiore presenza all’estero; a cambi costanti, utilizzando cioè gli stessi cambi medi dei primi tre mesi del 2021, comprensivi degli effetti delle coperture, i ricavi sono pari a 214,4 milioni di euro, in crescita del 20% rispetto al primo trimestre 2021.

Tod’s e Chiara Ferragni, nuovo progetto: «Celebriamo il senso della famiglia»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X