facebook rss

«Delusi e amareggiati per i ragazzi:
irregolarità al chiosco del Monumento,
così non possiamo riaprire»

CASTELFIDARDO - Jacopo Corona, cofounder di Frolla Microbiscottificio, prende le distanze dai toni del dibattito politico scaturito attorno alla vicenda e ritiene conclusa l'esperienza fidardense. «Quando mancano dialogo, coerenza e volontà di praticare il bene comune non c’è un solo perdente. Perdono tutti» sottolinea. Poi lancia un appello: «Chiediamo alle Amministrazioni dei Comuni interessati, di considerare la possibilità di fornire uno spazio alla nostra cooperativa. Se ci saranno le condizioni, noi ne saremo felici»
Print Friendly, PDF & Email

Il Frollabus

 

 

Dal Premio Cittadino Europeo 2021 con annessa visita ed elogi direttamente al Parlamento Europeo, alla mancata riapertura estiva del consueto Chiosco del Monumento a Castelfidardo, gestito dai ragazzi di Frolla Microbiscottificio. «Nemo profeta in patria, con buona pace delle tante famiglie e dei giovani che erano soliti affollare la zona, anche per il rapporto familiare ormai creatosi con un team di 18 ragazzi disabili che hanno tanto da insegnare a chi tende a strumentalizzare anche le iniziative sociali» esordisce così un comunicato di Frolla, il microbiscottificio di Osimo, lasciando ormai presagire un addio alla città della fisarmonica e al chiosco del Monumento che negli ultimi due anni la cooperativa ha gestito nell’ambito di un progetto di inclusione sociale.

Sulle posizioni polemiche che in questi giorni hanno scaldato anche sui social il dibattito tra maggioranza e opposizione fidardense, Jacopo Corona, cofounder di Frolla Microbiscottificio, torna a prendere le distanze. «Non vogliamo strumentalizzazioni .- ribadisce nella nota – e chiediamo rispetto per la nostra cooperativa, per i nostri ragazzi e per le tante persone che ci sono state vicine in questi anni. Perché è solo loro che dobbiamo ringraziare per tutto il bello che contraddistingue la nostra storia». Una storia figlia del territorio marchigiano e che stride con quanto accaduto nei giorni scorsi a Bruxelles. «Abbiamo vissuto giorni bellissimi al Parlamento Europeo – sottolinea Corona -. Giorni di grandi stimoli e gratificazioni in cui ci siamo sentiti orgogliosi di essere marchigiani. Oggi però lasciateci esprimere delusione e amarezza perché, nel territorio che amiamo, ci sentiamo prigionieri della burocrazia e di diatribe che sono lontane dal nostro modo di essere. Rispettiamo l’operato degli amministratori – prosegue Jacopo Corona – ma oggi proviamo un grande dispiacere soprattutto per i nostri ragazzi che attendevano con trepidazione la riapertura del chiosco del Monumento».

Il chiosco al Monumento di Castelfidardo gestito dai ragazzi di Frolla

Frolla Microbiscottificio è una cooperativa sociale fondata circa 4 anni fa e che si fonda su tre valori imprescindibili: condivisione, qualità e responsabilità. Solo così si può cementare una società più inclusiva.«Se viene meno uno di questi tre principi – dichiara Corona – Frolla non può fiorire. Ci sono tematiche e luoghi che non dovrebbero essere utilizzate per fini politici, noi crediamo e sosteniamo l’unico principio del bene comune, senza colori, simboli e bandiere». Sulle irregolarità relative al chiosco del Monumento, la posizione di Frolla è molto chiara.«Per una corretta procedura di rispetto delle norme, ci sono delle irregolarità che abbiamo fatto presente da diversi mesi a chi di competenza. Purtroppo non siamo riusciti a risolverli e di conseguenza la nostra attività non potrà essere esercitata regolarmente come negli ultimi due anni. Quando mancano dialogo, coerenza e volontà di praticare il bene comune non c’è un solo perdente. Perdono tutti». Infine, pur di rendere felici i ragazzi della cooperativa e di non privare amici e simpatizzanti della possibilità di fruire dei servizi di Frolla, arriva un appello: «Tenendo presente i limiti logistici e di spostamento, chiediamo alle Amministrazioni dei Comuni interessati, di considerare la possibilità di fornire uno spazio alla nostra cooperativa. Se ci saranno le condizioni, noi ne saremo felici».

 

Il ‘Frollabus’ si ferma sulla pista ciclabile di Campocavallo

Chiosco in regola e presto riaperto, il sindaco: «Non è un bar ma segue le prescrizioni della Soprintendenza»

Chiosco del Monumento ancora chiuso, l’opposizione: «Sono emerse irregolarità»

La locanda ‘Centimetro Zero’ e il biscottificio ‘Frolla’ si gemellano

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X