facebook rss

Parcheggia davanti al passo carraio
e scoppia la lite col residente:
denunciato un 60enne

SENIGALLIA - Sul posto è intervenuta la polizia. L'uomo si è giustificato dicendo che il cartello non era valido e che essendo una persona portatrice di handicap poteva parcheggiare dove voleva dopodiché ha iniziato a insultare gli agenti
Print Friendly, PDF & Email

La polizia durante alcuni controlli sul lungomare di Senigallia (Archivio)

Ha parcheggiato l’auto davanti al passo carraio di un’abitazione nei pressi della Rotonda e quando il proprietario gli ha fatto notare che in quel modo gli ostruiva l’uscita, tra i due è nato un diverbio al punto che è dovuta intervenire sul posto una Volante del Commissariato.
A chiamare la polizia è stato il residente, spiegando agli agenti che dalla finestra aveva visto l’uomo che stava parcheggiando e, per questo motivo, si è affacciato ricordandogli il divieto.
L’automobilista, per tutta risposta, ha subito assunto un atteggiamento aggressivo, rifiutandosi di spostarla, urlando e provocando l’altro dicendogli che se avesse avuto il coraggio, avrebbe dovuto chiamare la polizia perché, a detta sua, il passo carrabile era scaduto.
Gli agenti intervenuti hanno identificavano l’automobilista, un 60enne senigalliese, che ai poliziotti ha riferito di avere tutto il diritto di posteggiare la vettura in quel posto perché il divieto non era più valido, cosa però risultata non vera a seguito degli accertamenti.
I poliziotti hanno dunque invitato l’uomo a spostare la vettura.
Il 60enne ha invece dato in escandescenze, urlando e insultando gli agenti al punto da attirare l’attenzione dei passanti e dei residenti che si sono affacciati dalle finestre per vedere cosa stesse succedendo in strada
L’uomo ha comunque continuato con il suo atteggiamento ostile e, a giustificazione del suo comportamento, ha dichiarato che era una persona portatrice di handicap e che quindi poteva parcheggiare dove voleva.
Gli agenti, considerato il persistente comportamento offensivo, lo hanno denunciato per i reati di oltraggio, violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale informandolo che a breve sarebbe intervenuto il personale della polizia locale per la contestazione e rimozione della sua auto. Solo a questo punto l’uomo ha deciso di spostare il veicolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X