facebook rss

Sdraiato sul lungomare,
infastidisce i passanti e aggredisce
i carabinieri: 44enne nei guai

SENIGALLIA - I militari hanno cercato di tranquillizzare l'uomo ma lui ha iniziato a colpirli con calci e spintoni. E' stato bloccato e arrestato. Sempre ieri è stato tratto in arresto un 29enne evaso dai domiciliari
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri di Senigallia in servizio di controllo

 

Si sdraia sul lungomare Dante Alighieri, infastidendo a più riprese i passanti. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Senigallia dopo la segnalazione, ieri sono intervenuti sul posto, hanno cercato di tranquillizzare l’uomo ma alla fine lo hanno arrestato per il reato di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Ai militari era stata segnalata l’anomalia: il 44enne di origini venete, sdraiato sulla strada, periodicamente si alzava e aveva comportamenti molesti versi i pedoni. Controllato della pattuglia del Norm, ha subito ha iniziato a urlare e inveire nei confronti dei militari, per poi scagliarsi contro di loro e colpirli con calci e spintoni. È stato bloccato e portato in caserma, dove è stato dichiarato in arresto.

Sempre ieri è stato arrestato anche un 29enne, al quale è stato contestato il reato di evasione. Il giovane era stato recentemente arrestato sempre dai carabinieri di Senigallia dopo l’emissione della misura cautelare degli arresti domiciliari, a firma del Gip di Ancona, per il reato di maltrattamenti in famiglia. Da quel giorno era stato collocato agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, dove doveva permanere giorno e notte, ma aveva un permesso mattutino per andare a Falconara dove lavorava presso un esercizio pubblico. I militari ieri sono andati presso il suo domicilio di Jesi ma non lo hanno trovato. Era l’orario del permesso, perciò sono andati sul luogo di lavoro, ma hanno appreso che non lavorava più lì da diversi giorni, e che aveva approfittato del permesso per uscire di casa arbitrariamente. Una volta rintracciato è stato accompagnato in caserma e dichiarato in arresto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X