facebook rss

Spedizione punitiva in centro:
sospesa licenza al locale per 20 giorni

OSIMO - Si tratta del secondo provvedimento adottato dal questore di Ancona
Print Friendly, PDF & Email

La polizia e l’avviso di sospensione

Lo scorso 3 agosto, davanti a una gelateria artigianale del centro di Osimo, si era verificata una vera e propria spedizione punitiva nei confronti di un 25enne macedone che si trovava tranquillamente seduto in uno dei tavoli davanti all’ingresso della cremeria.
Successivamente, gli uomini del Commissariato osimano si sono messi subito al lavoro per ricostruire la vicenda appurando che il pestaggio era stato ideato e attuato proprio per mettere a segno un vero e proprio regolamento di conti nei confronti del giovane.
Uno dei presunti assalitori risulterebbe essere infatti a sua volta vittima dell’accoltellamento avvenuto lo scorso giugno nei pressi del maxi parcheggio, il cui autore sembra al momento essere proprio chi è stato accerchiato e picchiato con violenza in vicolo Niccoli, già destinatario di un procedimento penale a suo carico tuttora in corso.
Proprio quest’ultimo, a seguito di querela sporta negli uffici del Commissariato di Osimo, aveva dichiarato di essere stato improvvisamente accerchiato da 3 persone, tutte conosciute, fino a quando una delle tre ha estratto dalla tasca uno spray al peperoncino, rendendo la vittima incapace di difendersi per poi pestarla.
Il tutto avvenne utilizzando anche un nunchaku poi spezzatosi a seguito della violenza dei colpi inferti. Alcuni frammenti sono stati infatti rinvenuti dagli inquirenti nei pressi del luogo dell’aggressione.
Il macedone riuscì però a divincolarsi dai 3, scappando proprio in direzione del Commissariato di piazza Marconi. Qui, completamente insanguinato, ha raccontato quanto gli era accaduto poco prima ai poliziotti.
A seguito di visione delle immagini del circuito di videosorveglianza comunale in effetti gli investigatori, diretti dal vice questore aggiunto Stefano Bortone, hanno

La polizia e l’avviso di sospensione

potuto visionare il momento in cui l’uomo fugge dai 3 aguzzini, in pieno giorno, diretto verso l’ingresso del Commissariato.
Considerata la gravità del fatto, che ha suscitato un certo allarme sociale nella comunità osimana, il questore di Ancona ha disposto nei confronti della cremeria, davanti alla quale si è consumata la brutale aggressione, la sospensione dell’efficacia della segnalazione certificata che consente al titolare del locale la somministrazione di alimenti e bevande.
Questo, perché la normativa del Tulps consente di comminare la sospensione delle licenze amministrative di esercizi “all’interno o dinanzi ai quali avvengano disordini di una certa gravità, o risultino essere abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose per l’ordine pubblico”.
Nello scorso febbraio, il questore dispose con lo stesso provvedimento la sospensione della licenza per 15 giorni a seguito di accertamenti e attività dei poliziotti che avevano contestato al titolare dell’attività la vendita di bevande alcoliche a minorenni. Circostanza che si aggiungeva al riscontro dell’abituale frequentazione del locale da parte di pregiudicati e personaggi collegati al mercato dello spaccio di sostanze stupefacenti locale e in considerazione del fatto che nei pressi del locale, nel settembre dello scorso anno, era stato eseguito un arresto per cessione di droga a un minore.
Proprio per arginare e per prevenire il possibile ripetersi dei fenomeni delinquenziali, si è reso pertanto necessario intervenire con un secondo provvedimento di sospensione della licenza amministrativa, questa volta però di 20 giorni.

Accoltellamento al maxi parcheggio: ferito un 22enne, arrestato l’aggressore

Accoltellamento al maxi parcheggio: anche un Daspo per l’aggressore

Superalcolici a minorenni: chiusa per 15 giorni una gelateria artigianale

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X