facebook rss

Ubriaco, urla e minaccia i clienti del bar
poi si accascia a terra privo di sensi:
denunciato e sanzionato

FALCONA - Sul posto la polizia locale. Intanto, il sindaco valuta l’emanazione di un’apposita ordinanza che vieti il consumo di bevande alcoliche al di fuori degli spazi dei pubblici esercizi
Print Friendly, PDF & Email

La Polizia Locale di Falconara (Archivio)

E’ entrato completamente ubriaco nel dehor di un bar del centro di Falconara e con urla, gesti e minacce ha fatto scappare tutti i clienti, dopodiché è stramazzato al suolo privo di sensi.
La mattinata ad alto tasso alcolico, per un africano di 26 anni residente a Castelfidardo, è finita al pronto soccorso di Torrette, ma gli strascichi amministrativi si sono concretizzati oggi, a distanza di alcuni giorni quando la polizia locale falconarese gli ha notificato una serie di verbali.
Il giovane è stato denunciato per le molestie arrecate ai passanti, sanzionato per ubriachezza manifesta e nei suoi confronti è scattato l’allontanamento dal centro città per 48 ore.
Il 26enne, fino a mercoledì, non potrà farsi trovare nel perimetro compreso tra via Flaminia, via XX Settembre, via Bixio e via Mameli, un’area che ricomprende anche le piazze Mazzini, Garibaldi, Fratelli Bandiera ed è estesa a piazza Catalani. L’intervento per contenere il giovane, che si aggirava tra la stazione ferroviaria, via Cavour e piazza Mazzini, rientra nelle attività di pattugliamento del centro città organizzate quotidianamente dal Comando di polizia locale di Falconara, presente con i propri uomini anche a Castelferretti, un presidio che ha lo scopo di deterrente e che, in caso di necessità, consente di intervenire entro pochi minuti. Gli agenti presenti sul territorio sono pronti a raggiungere in breve tempo anche i centri abitati dei quartieri falconaresi.
Proprio per arginare simili episodi l’amministrazione sta valutando l’emanazione di un’apposita ordinanza che vieti il consumo di bevande alcoliche nelle piazze e nelle aree pubbliche del centro città, al di fuori degli spazi dei pubblici esercizi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X