facebook rss

Scoperti lavoratori ‘in nero’
nel centro estetico e alle giostre per bimbi

OSIMO - I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ancona hanno trovato 4 lavoratori non assunti, di cui uno irregolare, oltre a due evasori totali e tributi evasi per oltre 360mila euro
Print Friendly, PDF & Email

Le operazioni sono state svolte dalla Guardia di Finanza di Osimo

Quattro lavoratori completamente in nero, di cui uno irregolare, e due evasori totali.
E’ il bilancio dei controlli portati avanti dai finanzieri del Comando provinciale di Ancona durante due diverse attività a seguito delle quali sono state sanzionate due imprese.
I militari della Guardia di Finanza di Osimo hanno eseguito le ispezioni rispettivamente in un centro estetico e in una ditta che gestiva giostre per bambini.
Gli accertamenti hanno permesso di verificare che in entrambi i casi si era fatto ricorso a lavoratori ‘in nero’.
Nel caso del centro estetico è stato accertato, attraverso l’esame del registro delle presenze, che aveva lavorato una dipendente in realtà mai assunta nel Salone. Altre verifiche hanno permesso anche di accertare che un altro lavoratore, inquadrato con un contratto di collaborazione occasionale, aveva svolto in realtà l’attività di un lavoratore dipendente.
Nella seconda operazione, le fiamme gialle osimane hanno ispezionato la sede temporanea di una ditta di giostrai che stavano allestendo un’area di intrattenimento per bambini. Il controllo ha permesso di verificare che alcuni degli operai intenti al montaggio delle giostre erano sprovvisti di qualsiasi contratto e quindi completamente ‘in nero’.
I finanzieri della Tenenza di Osimo, inoltre, recentemente, hanno scoperto anche due evasori totali: un’impresa che negli anni dal 2016 al 2019 aveva completamente occultato al fisco redditi per oltre 870mila euro; e una società di trasporti che negli anni 2018 e 2019 non ha presentato le dichiarazioni dei redditi, omettendo di dichiarare un fatturato che è stato ricostruito in circa 240mila euro. In totale sono state accertate e segnalate all’Agenzia delle Entrate imposte evase per oltre 360mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X