facebook rss

Anas realizza un bosco urbano
davanti alla raffineria

FALCONARA - Il Comune ha chiesto e ottenuto che le piantumazioni, in compensazione al raddoppio della Variante, avvenissero subito, anziché nel 2026 come programmato dalla società per le strade
Print Friendly, PDF & Email

Arriva un bosco urbano davanti alla raffineria, frutto di un confronto tra il sindaco Stefania Signorini e i referenti nazionali di Anas, nell’ambito dell’ampliamento della Statale 16.
Il sindaco infatti, «visto l’inevitabile abbattimento di alberi per la realizzazione dell’opera pubblica di rilievo nazionale – viene spiegato in una nota del Comune di Falconara –, ha richiesto un progetto di compensazione e ha indicato quando e dove procedere con le nuove piantumazioni».
La messa a dimora inizierà tra circa due settimane da parte di una ditta incaricata da Anas, che ha predisposto il progetto sulla base della consulenza di un agronomo. Il sindaco ha infatti ottenuto che le piantumazioni avvenissero sin dall’inizio dei lavori e in un’area particolarmente sottoposta a pressione ambientale, anche a beneficio degli abitanti dei quartieri che sorgono intorno alla raffineria, contrariamente a quanto aveva inizialmente programmato Anas, che aveva ipotizzato di procedere alla piantumazione tra qualche anno, orientativamente nel 2026, dopo la chiusura dei cantieri e in aree extraurbane.
Già a maggio 2021, dopo una serie di confronti telefonici, l’amministrazione comunale aveva scritto una lettera formale alla dirigenza nazionale Anas, in cui specificava le criticità del territorio e le richieste del Comune. Era seguito un incontro in presenza e infine è stato trovato un accordo. Anas ha onorato l’impegno e ha inviato un progetto delle piantumazioni, che avverranno nei luoghi suggeriti dagli uffici municipali.
Per legge l’abbattimento di alberi protetti va compensato con la messa a dimora del doppio delle essenze soppresse, tanto che Anas pianterà 1.100 tra cespugli e alberi.
«L’area individuata dal Comune per massimizzare i benefici ambientali della barriera verde – viene riportato – è lo svincolo della Variante alla Statale 16, davanti alla raffineria, che si estende per circa 15mila metri quadri. Anas ha studiato il progetto per garantire la sicurezza della circolazione. Sono infatti previste diverse specie arboree – spiega – a seconda della distanza dalla strada, per non ostruire la visibilità alle intersezioni. La barriera verde sarà dunque costituita da alberi e arbusti misti, disposti in fasce concentriche all’interno delle due grandi aree dirimpetto alla raffineria. Dal margine stradale fino a 6 metri verrà messo a dimora un tappeto erboso di sole specie erbacee, dai sei ai 10 metri dal margine stradale è prevista la messa a dimora di arbusti, dai 10 ai 20 metri dalla carreggiata verranno piantati alberi che raggiungono fino a 12 metri di altezza mentre – conclude – oltre i 20 metri dalla strada saranno piantumate grandi alberature che potranno superare anche i 18 metri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X