facebook rss

Da città industriale a città della creatività,
Fabriano pronta a cambiare pelle

MEETING UNESCO- Il nuovo sindaco Santarelli: "Occasione importante, daremo il nostro supporto". L'assessore regionale alla Cultura Pieroni: "Grazie a Sagramola che ha creduto nel progetto, l'appuntamento una vetrina senza precedenti per promuovere il territorio"
lunedì 3 luglio 2017 - Ore 19:34
Print Friendly, PDF & Email

 

Fabriano Città Creativa dell’Unesco (foto d’archivio)

 

«Fabriano pronta a mutare pelle. Non solo città dell’industria, ma città della creatività, dell’artigianato di qualità e della cultura». Il nuovo sindaco, Gabriele Santarelli (M5S) accoglie così la notizia di Fabriano sede del 13esimo Meeting annuale delle Città Creative dell’Unesco nel 2019 (leggi l’articolo). «Sarà un importante banco di prova per tutta la città – prosegue Santarelli – che dovrà essere capace di accogliere e stringere in un abbraccio le persone che vengono a conoscere e ad ammirare le architetture medievali, le ricchezze racchiuse nelle chiese, la storia della carta e il nostro stupendo territorio fatto di siti naturali da mozzare il fiato e di prodotti enogastronomici unici». L’amministrazione comunale, annuncia il sindaco, «intende partecipare in maniera concreta, portando idee e supporto all’organizzazione che è, e resterà, in mano alla Fondazione Aristide Merloni. Ci intriga molto anche il tema scelto per il meeting: “Creatività e sostenibilità”. Bisognerà lavorare per mettere in moto tutte le energie positive di cui Fabriano è ricca e per creare sinergia. Ci sono tante forze pronte a mettersi in gioco – conclude il primo cittadino – e che non aspettano altro che qualcuno le coinvolga. Credo che l’amministrazione debba attivare un lavoro di squadra che poi bisognerà coltivare anche dopo l’evento per dare continuità e valorizzare al meglio il prestigioso titolo di Città Creativa dell’Unesco».

Fabriano, dunque, nel 2019 sarà al centro del panorama internazionale, pronta ad ospitare oltre 400 delegati del network. Una vetrina ed un’occasione per promuovere anche il territorio come ha sottolineato l’assessore regionale a Cultura e Turismo, Moreno Pieroni. «Già lo scorso anno la candidatura di Fabriano era arrivata alla fase finale e quest’anno l’obiettivo è stato centrato. Il ringraziamento – aggiunge – va all’ex sindaco Giancarlo Sagramola, che tanto ha creduto in questa iniziativa. Fabriano grazie al suo artigianato e alle tradizioni popolari è una delle cinque città italiane che rappresentano l’Italia in questo prestigioso network e il ruolo assegnatole dall’assemblea generale ci permetterà di promuovere il nostro territorio e le sue eccellenze di fronte a un pubblico altamente qualificato»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X