facebook rss

Cambio al Comando dei vigili,
Michele Zappia: «Nuova caserma
pronta a inizio anno»

ANCONA – Il nuovo comandante provinciale dei vigili del fuoco raccoglie il testimone da Giovanni Di Iorio. Volontario nel terremoto dell'Irpinia prima di iniziare la carriera tra i soccorritori. “I vigili di Ancona sono ancora attivi nel cratere”
venerdì 22 settembre 2017 - Ore 16:01
Print Friendly, PDF & Email

Il comandante provinciale Michele Zappia

di Federica Serfilippi

«La nuova caserma sarà pronta entro l’inizio del 2018». È questo il primo impegno preso dal nuovo vicecomandante provinciale dei vigili del fuoco, Michele Zappia, insediatosi ufficialmente nella sede di via Bocconi una settimana fa. Succeduto a Giovanni Di Iorio su disposizione ministeriale, Zappia – originario della Calabria e con 26 anni di attività alle spalle passati nei comandi del nord e del centro Italia – ha tracciato le linee che guideranno il suo operato. «L’obiettivo primario – ha spiegato durante un incontro di presentazione con la stampa – è conquistare una nuova sede di servizio. Secondo quanto previsto, sarà pronta entro i primi tre mesi del 2018, ma potremmo anche iniziare ad usarla in maniera parziale anticipando i tempi. Per farla essere operativa quanto prima, ci metteremo tutto l’impegno possibile. Durante la mia carriera ho inaugurato 4 caserme, questa sarà la quinta». I lavori per la realizzazione del nuovo comando prevedono la costruzione di due palazzine: una ospiterà gli uffici amministrativi, mentre l’altra servirà per organizzare tutta la parte operativa. «Ma non solo – ha proseguito il comandante -. Ci saranno spazi per delle camerate, una mensa e una sala riunioni». E poi ancora, alcune ali ospiteranno i magazzini, i laboratori, mezzi e strumenti dei vigili del fuoco. I due edifici saranno comunicanti attraverso un condotto, in maniera tale da avere un unico ambiente. Zappia, che avrà a disposizione in tutta la provincia 600 uomini, di cui 200 volontari, proseguirà anche il lavoro intrapreso dal suo predecessore la notte del 24 agosto 2016, data della prima scossa di terremoto. «Nel cratere – ha spiegato il vice Gabriele Fantini – siamo ancora attivi. In questo momento siamo impegnati ad Arquata del Tronto con il Gos, gruppo operativo speciale, per il recupero tra le macerie dell’archivio storico del comune». Zappia aveva gestito l’emergenza terremoto anche nel 1997, divenendo direttore tecnico per le operazioni della basilica di Assisi. Diciassette anni prima, quando era uno studente di Ingegneria, aveva vissuto da volontario il sisma che sconvolse l’Irpinia: «Ma all’epoca – ha raccontato – non c’era un soccorso organizzato. Oggi, invece è tutto diverso. Riusciamo a fronteggiare le calamità con maggiore funzionalità e immediatezza. Penso che il corpo dei vigili del fuoco sia l’organo più organizzato ed efficiente a livello nazionale».

La caserma in realizzazione in via Bocconi ad Ancona

Il comandante Zappia al centro durante la presentazione oggi al Comando provinciale

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X