facebook rss

Mastronunzio, una doppietta per la storia:
l’Ancona sempre più sola in testa

PRIMA CATEGORIA - L'attaccante decide nei primi venti minuti la sfida contro lo Staffolo e tocca quota 71 in maglia biancorossa, raggiungendo Fiorini come miglior marcatore di sempre. La squadra di Lelli, 11 vittorie in 12 partite, mantiene dieci punti di vantaggio sull'Osimo Stazione
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Giuseppe Giannini

L’Ancona liquida anche la pratica Staffolo (2-0). La squadra di Lelli inanella la 11esima vittoria su dodici partite e con 33 punti, dieci più della seconda, ha già preso il largo prima di Natale. Resta di nuovo inviolata la porta di Lori e gli ultimi acquisti, mirati, hanno perfezionato un team a cui va sempre più stretta la Prima Categoria. E allora la partita del Carotti diventa il Vipera Day. Salvatore Mastronunzio con una doppietta, la quarta stagionale, stende gli jesini e raggiunge Fiorini nella classifica dei bomber dorici. Il 13esimo centro in campionato porta infatti a 71 gol lo score del capitano che ora può scrivere altre importanti pagine di storia del club. Ma che la Vipera fosse in giornata si capisce già dalle prime battute. Pronti via e va subito a timbrare il cartellino. Cross dalla destra e sul secondo palo irrompe Mastronunzio di testa per l’1-0. Passano venti minuti e la Vipera firma il raddoppio, scattando sul filo dell’off-side e infilando in diagonale il portiere in uscita: un gol alla Mastronunzio. Ma le reti del bomber, sempre più leader della squadra e uomo simbolo di questa rinascita targata Marconi, finalizzano il gioco di una formazione che mette in mostra il miglior primo tempo dall’inizio del campionato. Merito anche di una prestazione sontuosa dell’ultimo arrivato, Emanuele Strano, 28 anni centrocampista centrale Anconetano doc. L’ex Tolentino mette sostanza e qualità, dà geometrie ed equilibrio, ma soprattutto sa giocare in verticale. Con lui in campo anche Mandorino e Marengo crescono e la squadra con tre passaggi arriva in porta. Bene anche la catena di destra dove agiscono altri due new entry, Della Spoletina e Storani. Sarà che vengono entrambi dall’Umbria ma i due si intendono a meraviglia e dettano legge su quella corsia. Anche gli altri non tradiscono e ti accorgi che con i nuovi pezzi arrivati dal mercato questo team è pronto per decollare.

I tifosi biancorossi

Lo Staffolo ci prova ma con una Ancona così non c’è ne è per nessuno, in questo girone. I ragazzi di Massacesi schierati con un ermetico 4-5-1 si trovano subito i piani scombinati dal gol del capocannoniere del girone. Al primo giro di orologio Storani riceve sul lato corto dell’area e fa partire un cross dalla destra. Apetzaguia sfiora e la palla finisce sul secondo palo dove Mastronunzio di testa spedisce in rete l’1-0. Il gol galvanizza i dorici che insistono, collezionano angoli, e sfiorano il raddoppio con Strano che di testa alza di poco sopra la traversa. Al 21′ azione in verticale dell’Anconitana Marengo per Mandorino che dal cerchio di centrocampo si fa trenta metri palla al piede e scarica per Mastronunzio. Il capitano lascia scorrere il pallone, penetra in area e tu per tu col portiere lo fulmina in diagonale. Il tredicesimo gol stagionale del capocannoniere del girone, serve al Mastro ad eguagliare il record di Fiorini, miglior marcatore in maglia dorica con 71 centri, e ha impresso il marchio di fabbrica della Vipera. E al 6′ della ripresa Mastronunzio sfiora anche il terzo gol ma in torsione da pochi centimetri c’entra il palo. La gara si fa spigolosa su un campo al limite della praticabilità. Lelli concede una mezz’ora a Bartoloni. Esce Apetzeguia che strappa la sufficienza in un ruolo a lui non congeniale. Copre bene la fascia ma perde tanto negli ultimi sedici metri, dove di solito è devastante se schierato da seconda punta. Bartoloni si destreggia bene invece ma proprio nei minuti di recupero Scattolini lo falcia da dietro. Un fallo inutile che lascia a terra l’anconetano dolorante al ginocchio e costretto ad uscire in barella. È l’unico neo di una giornata da incorniciare che esaspera gli animi scatenando un mezzo parapiglia proprio mentre la squadra è sotto il settore ospiti per salutare i tifosi al seguito.

Il tabellino:

STAFFOLO (4-5-1): Carotti 5,5; Fuoco 6, Tangherlini 5,5, Scattolini 5, Cesarini 5,5 (1′ s.t. Conte); Cecati 6 (27′ s.t. Martarelli s.v.), Molinari 5 (1′ s.t. Fabrizi 5,5), Massei 6,5, Polzonetti 6 (13′ s.t. Maggini 5,5), Piersanti 5,5; Graziosi 5 (13′ s.t. Brugiatelli 5). A disp.: Tomassoni, Bartelucci. All.: Massacesi 6.

US ANCONITANA (4-3-3): Lori 7,5; Della Spoletina 6,5, Colombaretti 6,5, Rossi 6, Cesaroni 6; Mandorino 7 (45′ s.t. Massei s.v.), Strano 7,5, Marengo 6,5; Storani 6,5 (38′ s.t. Tantuccio), Mastronunzio 7,5 (46′ s.t. Pucci s.v.), Apetzaguia 6 (21′ s.t. Bartoloni 6,5) (49′ s.t. Polenta s.v.). A disp.: Ruspantini, Polenta, Tantuccio, Brasili. All.: Lelli 7

ARBITRO: Boiani di Pesaro 6

RETI: 1′ e 21′ Mastronunzio

NOTE: spettatori 100o circa. Ammoniti: Cesarini, Mandorino, Maffei, Piersanti, Rossi, Graziosi, Colombaretti, Scattolini. Recupero: 6′ (1’+5′).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page