facebook rss

Gatto costretto al sole rovente,
le guardie zoofile
sequestrano l’animale

ANCONA – L'animale era “detenuto” in balcone, senza possibilità di sfuggire al caldo. E' intervenuta l'Oipa per salvare il micio. Ora è scattato l'appello per adottare il gatto
Print Friendly, PDF & Email

Le foto scattate dall’Oipa per motivare li sequestro

 

Detenuto in balcone, senza possibilità di sfuggire al sole e al caldo rovente, intervengono le guardie zoofile per salvare il micio. Succede ad Ancona, dove l’Oipa Marche ha dovuto produrre le prove e dimostrare che il gatto era costretto in condizioni di sofferenza per poter sequestrare l’animale domestico. “Deteneva un gatto perennemente chiuso sul balcone, senza dargli la possibilità di entrare in casa poiché l’unica finestra di accesso aveva la tapparella abbassata fino al pavimento. La situazione è stata segnalata alle guardie zoofile dell’Oipa del nucleo provinciale di Ancona che, dopo aver verificato la presenza dell’animale sul balcone, hanno iniziato le indagini attraverso sopralluoghi e rilievi fotografici in giorni ed orari differenti della giornata – spiegano le guardie zoofile in una nota -. Dalle indagini è emerso che, a prescindere dalle condizioni climatiche, il gatto viveva relegato sul balcone: non aveva la possibilità di entrare o a causa della tapparella abbassata o perché la gattaiola era resa inservibile dai blocchi di passaggio. Raccolte le prove, si è proceduto al sopralluogo ed all’identificazione del proprietario dell’appartamento, già noto per precedenti problemi legati alla detenzione di animali, ed al sequestro del gatto”. “È stata un’operazione molto impegnativa, era necessario avere le prove schiaccianti per poter salvare il gatto – afferma Rocco Coretti, Coordinatore Regionale delle guardie zoofile Oipa Marche – Dopo le indagini in loco, le guardie zoofile sono rimaste fino a tarda notte per terminare l’operazione di sequestro dell’animale. Di primaria importanza in questo momento, sarà trovare una collocazione domestica per l’animale, di cui chiederemo immediata confisca visti i precedenti del proprietario”. Per questo, l’Oipa di Ancona chiede aiuto a quanti possono essere interessati a custodire il gatto, dopo gli opportuni controlli di pre-affido. Per ricevere informazioni già da ora, è possibile mandare un’e-mail contenente i propri dati all’indirizzo: guardieancona@oipa.org

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X