facebook rss

Segregata, sfamata solo con cereali
e senza visite mediche
Il Pm: «Così Pianesi uccise la moglie»

ANCONA – La salma di Gabriella Monti non c'è più: deceduta nel 2001, dodici anni dopo il suo corpo è stato esumato e cremato. Dall'analisi delle cartelle cliniche, il pm Gubinelli ritiene possibile che la morte possa essere insorta anche a causa della rigida dieta a cui la donna era stata sottoposta dal guru, accusato di essere capo della setta macrobiotica investita dall'inchiesta della Squadra Mobile
mercoledì 26 Settembre 2018 - Ore 18:55
Print Friendly, PDF & Email

Mario Pianesi

 

di Federica Serfilippi

Non solo avrebbe indotto la moglie defunta a sottoporsi a una stretta dieta a base di cereali, ma l’avrebbe anche convinta a saltare le visite mediche prescritte dagli specialisti a seguito dell’ictus insorto nel 1997. E poi, l’avrebbe anche confinata in un immobile, facendola sorvegliare strettamente da un gruppo di adepte della setta macrobiotica. Sono queste le ipotesi su cui si basa l’accusa di omicidio volontario aggravato che la procura  contesta a Mario Pianesi. Secondo il pm Paolo Gubinelli, il guru che ha dato vita all’associazione UPM avrebbe in qualche modo determinato il decesso della prima coniuge: la torinese Gabriella Monti, morta all’ospedale cardiologico Lancisi di Ancona nel 2001 all’età di soli 43 anni. Stando alla ricostruzione effettuata dalla procura attraverso alcune testimonianze e il reperimento delle cartelle cliniche della vittima, la morte è insorta per una serie di problematiche, tra cui un’insufficienza mitralica, un’embolia polmonare e  una necrosi epato pancreatica. Scompensi creati, stando agli inquirenti, dallo stile di vita condotto dalla donna, indotta a ricoveri lampo e a seguire una dieta ad alta concentrazione di aflatossine, sostanze che si sviluppano nei cereali e potenzialmente dannose per la salute. Secondo l’ipotesi accusatoria, Pianesi aveva un interesse diretto ad omettere qualsiasi cura a favore della vittima. Ma perchè? Tra i motivi, il disprezzo per la medicina tradizionale e l’idea di una funzione salvifica e curante, anche dei tumori, della macrobiotica. Per verificare l’ipotesi dell’omicidio, gli agenti della Squadra Mobile hanno già fatto incetta della documentazione clinica legata alla storia della Monti che, a causa di un ictus, avrebbe dovuto seguire terapie specifiche.   È sulle testimonianze rese dalla persone vicine alla vittima durante gli anni della malattia e sulle cartelle estrapolate dagli ospedali che si giocherà la partita dalla procura dorica. Far riesumare la salma della 43enne è impossibile. La donna era stata sepolta dopo la morte al cimitero di Tolentino. Nel 2013, dunque dodici anni dopo il decesso, il Comune avrebbe deciso uno spostamento del loculo. In quell’occasione, però, la salma non era stata traslata in un altro luogo, bensì cremata. Un’ipotesi al vaglio degli inquirenti, inquietante e ovviamente ancora tutta da provare cosí come l’accusa di omicidio, è che Pianesi possa aver voluto disfarsi del cadavere della moglie defunta.  Quindi nessuna eventuale prova potrebbe emergere dall’analisi della salma. È anche per questo che il pm ha richiesto al gip lo svolgimento di un incidente probatorio, non ancora fissato. Lo scopo, probabilmente, è quello di far eseguire una perizia medico legale sulle cartelle cliniche della Monti. Nel documento di richiesta, è indicata una parte offesa: si tratta della sorella della vittima.

Print Friendly, PDF & Email


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X