facebook rss

Ancona cuore commerciale
delle Marche,
centro preso d’assalto per saldi ed eventi

COMMERCIO – L'onda lunga dello shopping natalizio investe anche la prima giornata di sconti. Il nutrito cartellone di iniziative e la caccia all'affare attirano molte persone e c'è chi arriva persino da Macerata per respirare il clima di festa e comprare nei negozi dorici
sabato 5 Gennaio 2019 - Ore 20:14
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Martina Marinangeli

C’è chi si mette in macchina e guida per quasi un’ora per fare shopping in centro e godersi il clima natalizio dorico. Nel primo giorno di saldi, Ancona si riscopre cuore commerciale della regione, trainata dall’onda lunga degli acquisti di Natale e da un cartellone di eventi agli sgoccioli che è stato molto apprezzato. «Questa mattina, abbiamo avuto tre clienti da Macerata entusiasti per come è stato allestito il centro e in cerca di occasioni ad Ancona – fa sapere Giulia, responsabile del negozio di intimo Yamamay, all’inizio di corso Garibaldi –. Gli incassi di oggi sono stati superiori rispetto allo scorso anno, un trend positivo che è durato per tutto il periodo natalizio. L’unica cosa che si potrebbe migliorare – l’annotazione per il prossimo anno – è rivolgere le bancarelle verso le vetrine dei negozi perché così tendono a nasconderci». Per il corso principale, un fiume di persone passeggia con più di una busta in mano, la maggior parte delle quali targate Zara e H&M, ma la mania dell’acquisto coinvolge un po’ tutti gli esercizi ed i cartelloni affissi che segnalano ribassi fino al 70% attirano amanti dello shopping da tutto l’hinterland anconetano. «La mattinata di oggi sembrava partita a rilento – osserva Stefano Zocchi, responsabile del negozio di accessori Carpisa – ma già dalla pausa pranzo abbiamo avuto molti clienti e il flusso è poi stato continuo. Tanti vengono dal circondario del capoluogo, segno che il periodo natalizio di Ancona sta diventando una tradizione per tutta la provincia. E i saldi alla fine di questa fase dell’anno aiutano molto». Un punto di vista completamente diverso rispetto a quello di Nicole, store manager di O Bag, famoso brand italiano di borse: «Come azienda, abbiamo iniziato la politica dei saldi lo scorso luglio, quindi questa è la nostra seconda volta, ma non è molto giusto iniziare i saldi a periodo natalizio ancora in corso. Sarebbe meglio farli più avanti, a febbraio ad esempio, che di solito è un mese di calma piatta. Comunque, la giornata di oggi è stata movimentata e speriamo continui così». Leader incontrastati del periodo dei saldi sono proprio «i settori dell’abbigliamento, degli accessori e del calzaturiero – come sottolinea Giancarlo Gioacchini, vicepresidente di Confesercenti Marche – nei quali i consumatori rimandano l’acquisto nella speranza del risparmio. I ribassi sono molto attesi dai commercianti per far tornare i conti, perché l’anno non è fatto solo dei 20 giorni del periodo di Natale, e i primi segnali parlano di movimenti positivi per ora». Pronostico confermato da Gaia, addetta vendite del negozio di abbigliamento maschile apripista di corso Garibaldi, Doppleganger, secondo cui «ci sono state molte persone già da questa mattina. In generale, negli ultimi weekend, in concomitanza con gli eventi di BiAnconatale, le vie del centro sono sempre state piene e questo è un ottimo segnale».

Partiranno invece dal 7 gennaio i saldi dell’editoria, ma già oggi il negozio Feltrinelli è stato preso d’assalto «per acquistare qualcosa da mettere nella calza della Befana domani», fa sapere Milva Tolentinati, responsabile dello store.

 

 

Saldi, si parte il 5 gennaio «Una spesa media di 280 euro per ogni famiglia marchigiana»

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X